Black Friday Offer

ACCEDI ORA ALL’OFFERTA

Hai un business online e vuoi pagare solo il 10% (e, in alcuni casi anche lo 0%) di tasse in modo etico?

Stai ancora regalando il 50%-60% dei tuoi utili ad uno stato sanguisuga, il tuo famoso socio occulto?

Come ridurre la burocrazia del 90% e oltre?

Internazionalizzazione per Online Business

Internazionalizzazione per Online Business

Scopri come farlo col video corso Internazionalizzazione Per Online Business e dai alla tua società un Brand internazionale espandendoti nel Regno Unito!

Acquista Ora il Video Corso Internazionalizzazione per Online Business

o chiama il numero verde gratuito

GUARDA SUBITO QUESTO VIDEO

Come puoi creare la tua società nel Regno Unito in meno di 24 ore, on-line, anche se non sai una parola di inglese, e senza doverti muovere dall’Italia…

Acquista Ora il Video Corso Internazionalizzazione per Online Business

o chiama il numero verde gratuito

I Migliori Imprenditori & Marketers On.Line
Hanno Scelto i MoneyLawyers

“Hai la serenità di far prosperare la tua impresa nel Regno Unito in modo legale. Ci sono pochi professionisti in Italia che hanno questo tipo di conoscenze.”

Carlo D’angiò, Marketer

“Percorso che dalla A alla Z che risponde a ogni domanda che un imprenditore può avere. Corso come nessun altro a livello mondiale, non ne ho trovati altri di altrettanto approfonditi.”

Emanuele Properzi, Imprenditore On.line

“Consiglio il loro video corso sia a chi ha già consulenti sia a chi non li ha. Perché la conoscenza è potere. Anche io ho dovuto chiamare il mio consulente per rammentarlo che forse qualcosa gli era sfuggito!”

Gio Talente, Formatore, Direttore vendite e Imprenditore On.line

“Ho cercato in giro soluzioni per internazionalizzare.  La migliore in assoluto è quella di Fabio e Oreste.”

Giacomo Freddi, Imprenditore On.line

“Se ti posso dare un consiglio, analizza la tua società con Oreste e Fabio, e capisci se puoi internazionalizzare per avere un ridotto carico fiscale!”

Fabio Damante, Imprenditore

Conosco Oreste come avvocato da tempo.
Mi sono affidato a lui per alcuni contratti e documenti legali per il mondo digital e quando mi ha chiesto di guardare in anteprima nazionale il corso “Internazionalizzazione per Online Business” sono corso a vederlo perché ho diversi clienti che cercano questo tipo di info.
Ascoltami: È un percorso unico che ti porta per mano, step by step, dallo stato zero, principiante assoluto, fino allo stato esperto, ad aprire la tua Ltd, col conto corrente, interamente da solo, passando anche per l’off-shore.
Che aggiungere. Porta la tua conoscenza finanziaria nel digital un passo più avanti rispetto alla concorrenza.

Joe di Siena, Marketer

Gualtiero Maalo, Vice Presidente Esecutivo ASSOIMPRESE
Sei già pronto all’acquisto? Allora clicca qui
Oppure desideri subito leggere le FAQ? Vai qui

ATTENZIONE! So che il fisco ti sta uccidendo e temi di fallire da un momento all’altro. Perciò è importante per te leggere TUTTA questa lettera subito.

Caro imprenditore,

So qualcosa su di te…

So che sei stanco della pressione fiscale e di clienti difficili.

So che sei stanco di dover dividere la maggior parte dei tuoi guadagni con lo stato italiano e che vuoi espandere la tua azienda all’estero senza muoverti mai dall’Italia.

Vedi, voglio che ti entri in mente questo concetto:

non è colpa tua, ripeto, non è colpa tua. Davvero, non lo è, non è colpa tua se stai rischiando di chiudere.

Nessuno riuscirebbe a sopravvivere al posto tuo, solo in Italia si ha una pressione fiscale così alta e una burocrazia così asfissiante che ti fa mancare l’ossigeno per sopravvivere economicamente.

Per noi sei un eroe, un autentico eroe nazionale. Chiarito ciò, ti invito a proseguire perché possiamo aiutarti.

Man mano che leggerai quanto ho da dirti sarai pervaso/a da una voglia matta di mettere in pratica i miei speciali metodi imprenditoriali di espansione internazionale step by step.

Ascolta, l’Italia ha il fior fiore dell’eccellenza mondiale nella imprenditoria e tu rappresenti l’1% dell’eccellenza del tuo settore nel mondo.

Dannazione, se solo tu avessi visto quello che abbiamo visto noi!

Esercitando la nostra professione abbiamo assistito a scarsi (o pessimi) prodotti avere un successo inaspettato e a migliaia di ottimi prodotti finire letteralmente nel baratro.

Perché?

I motivi possono essere tanti, ma di sicuro vi è una visione generalizzata che vede nel denaro la fonte di ogni male e nell’imprenditore il Diavolo.

È dal secondo dopoguerra che in Italia si tartassa di tasse ogni imprenditore. Si era partiti da un 70% di tassazione sino ad arrivare, oggi, a un 50-60%.

Suona ingiusto vero?

Insomma…Che tortura e castigo può mai essere questa?

È immorale che uno Stato divida i TUOI guadagni con se stesso in questo modo (e se lo diciamo noi che siamo avvocati….).

Vedi, se fai impresa in Italia sei un eroe e stai lasciando tanti soldi sul tavolo.

C’è un modo poco usato per far più soldi: risparmiare eticamente sulle tasse.

Ma prima…

È morale pagare tante tasse?

No. E lo dimostra il Fatto che ogni nazione ha la propria tassazione e l’Italia è tra i paesi a più alta tassazione al mondo.

Infatti nella lista dell’index of exonomic freedom l’Italia si trova all’80 esimo posto, posto relegato alle nazioni a più bassa agevolazione economica e fiscale.

Index_of_Economic_Freedom_

Quindi è immorale dare allo stato più del 50-60% dei
tuoi sudati guadagni.

Dannazione, la tua famiglia ne risente ogni santo giorno.

Fortunatamente per te oggi ti sei imbattuto in noi.

Amano definirci “Money Lawyers”.

Se non hai mai sentito parlare di noi, significa che ancora non sei entrato nel club degli uomini d’affari internazionali.

Poco male, benvenuto tra noi.

Cosa facciamo?

In pratica aiutiamo imprenditori e aziende a fatturare di più, LEGALMENTE, internazionalizzando la propria impresa per trovare clienti internazionali e pagare meno tasse possibili.

Oggi la tua richiesta di aiuto può essere accolta.

A noi questo stato di cose non è mai piaciuto: è moralmente depravato chi crede di risolvere così il problema Italia e tra un attimo ti dimostrerò perché.

Sappiamo che ti sta balenando per la mente il dubbio Brexit o la paura dell’esterovestizione, ma prima di far viaggiare la fantasia ti chiedo cosa ne sai davvero a riguardo e di sospendere il tuo giudizio sino alla parte delle FAQ dove ti aiutiamo a smontare questi falsi miti, ma andiamo oltre…

Ci siamo trasferiti nel Regno Unito e abbiamo studiato tanto, fino a che non siamo riusciti a creare il nostro metodo “Money Storm” che ha portato al successo centinaia di imprenditori tanto da affibbiarci il nome di “Money Lawyers”.

Ecco il punto: se non hai mai sentito parlare di noi è perché non hai fatto parte dei “VIP” che hanno avuto accesso alle nostre consulenze di decine di migliaia di sterline, ma oggi qualcosa può cambiare, la rinascita della tua azienda deriva dalla tua volontà di emergere e che ti ha fatto capitare su questa pagina.

Per ottenere questo risultato abbiamo dovuto fare chiarezza su tutte le notizie discordanti che circolano nel settore. Se anche tu come altri tuoi colleghi a volte hai cercato sul web informazioni riguardo come ottenere un risparmio fiscale e una clientela più ampia, internazionale, sai certamente quanto è difficile trovare un’unica ed efficace risposta.

Chi ti dice che devi aprire una holding, chi ti dice di comportarti così e colà al cospetto di una visita fiscale, chi di aprire un trust, chi di avere un marchio e chi più ne ha, più ne metta. La maggior parte di queste persone non capisce una mazza e ma è abbastanza furbo da avere una ha società nel Regno Unito mentre a te fa il predicozzo su come rendere il fisco italiano tuo amico (abbiamo prove al riguardo che mostreremo a chi ne faccia richiesta). Quindi, come venirne a capo? La fantastica notizia è che siamo riusciti a fare capire ai nostri clienti la veritá e fargli ottenere risultati niente male (siamo money lawyers, ricordi?), e tu OGGI puoi avere lo stesso.

Adesso vogliamo trasmettere a te questa straordinaria conoscenza.

Se davvero vuoi diventare un imprenditore a 7 cifre e cambiare la tua vita allora continua a leggere poiché questa sarà la lettura più importante della tua vita…

Gli imprenditori attenti alle proprie finanze come te sanno che si stima che in Italia la pressione fiscale si aggira intorno al 50-60% e andrà solo a peggiorare.

Guarda, caro Imprenditore, Questi numeri devono urgentemente farti riflettere.

Ascoltaci con attenzione.

Passiamo subito ad analizzarti la situazione del mercato attuale.

Quello che devi ASSOLUTAMENTE sapere circa la situazione italiana.

FATTI:

Ecco una statistica illuminante, oggi rispetto a soli pochi anni anni fa i fallimenti in Italia siano cresciuti del 55,42%, passando dai 9.384 del 2009 ai 14.585 del 2015. Dal 2009 ad oggi parliamo di oltre 103.700 aziende che hanno chiuso i battenti!.

Un dato questo che non ha paragoni con le altre grandi economie monitorate dall’OCSE (l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico).

E vi è di peggio. In alcuni settori come la ristorazione, falliscono ben 27 attività ogni giorno!

Che cosa significa tutto questo? Vedi, dietro questi numeri ci sono persone.

Persone come te.

Giovani e meno giovani.

Persone che magari si troveranno a dover spiegare questo fallimento alla propria famiglia che aveva puntato tutto, scuola, figli, vacanze, sull’azienda.

Se dovessi fallire, sei rovinato.

Pensi che ci sbagliamo? L’Italia non è l’America, se fallisci negli States, sei visto di buon occhio perché hai provato a metterti in gioco.

In Italia se fallisci anche le banche non ti presteranno più soldi.

Ma sai una cosa? C’è ancora di peggio…se in Italia fallisci come imprenditore, le banche non ti presteranno soldi neanche come privato, nel caso dovessi chiedere un mutuo per l’acquisto della tua prima casa!

Questi numeri ti devono urgentemente far riflettere, oltre che per le aspettative di vita della tua scoietà, anche per l’attuale inflazione monetaria.

La domanda è:

C’è qualcosa che, nel tuo piccolo, tu puoi fare per abbassare questa spesa e valorizzare il tuo asset imprenditoriale?

È qui che “i Money Lawyers” possono essere di aiuto reale per te.

Le notizie che ti forniremo non sono solo attuali e legali, ma sono state provate sul campo e accertate dalla comunità imprenditoriale più di successo, e sulla loro accuratezza puoi farci affidamento.

E questo non è tutto.

I consigli in essi riportati sono di facile attuazione non solo per una multinazionale, ma soprattutto per il piccolo e il piccolissimo imprenditore.

Ciò ti permetterà, con comprensione e lungimiranza, di investire bene il tuo denaro e il tuo tempo per tutelare il più importante bene che tu possa avere: la finanza della tua attività e della tua famiglia.

Il video corso che ti presenteremo contiene la fenomenale fonte di informazione per chi non vuole mai più preoccuparsi dei problemi fiscali e societari. Le notizie ivi contenute hanno aiutato altri imprenditori prima di te e lo stesso faranno con te.

Non ti diciamo che sono gli unici strumenti per raggiungere il successo imprenditoriale, ma ti promettiamo che appena tu avrai terminato il loro studio e ne avrai messo in pratica i relativi segreti, raggiungerai obiettivi imprenditoriali infinitamente migliori di quelli che avevi prima di conoscerli. Diventare il migliore nella vita richiede la conoscenza e l’applicazione di particolari strategie.

Riesci a comprendere quanto è importante conoscere queste strategie?

Se è così, poni particolare attenzione a leggere il resto di questa lettera, ti introdurrò ai segreti della finanza internazionale.

Questo non è un’altra pubblicità che ti promette miracolosi risultati in automatico. NO. Invece, Tu diverrai uno studente nel processo di apprendimento verso il raggiungimento dei tuoi obiettivi.

Vedi, se ci fosse un sistema per imparare come migliorare le finanze della tua società, non vorresti adottarlo?

Se sei proprio come noi, farai di tutto per cercare un sistema di strategie vincenti per la tua società. Leggi qui: è possibile imparare queste strategie? Affermativo, non solo è possibile ma diverrà per te naturale una volta che avrai imparato il giusto metodo…

Oggi la tua ricerca è terminata.

Ascolta.

Applicando un metodo convalidato e testato possiamo riuscire a far eccellere la tua società/impresa/azienda, start-up o meno che sia.

Non ci sono casi senza speranza, basta solo applicare le giuste strategie.

Perché noi possiamo aiutarti?

Perché studiamo come migliorare i fatturati societari, in modo legale e duraturo, da oltre un decennio, non per niente ci chiamano i money lawyers.

A questo punto ti starai chiedendo chi sono questi due tizi che se la tirano tanto….

Limitiamoci a dire che siamo due avvocati internazionalisti con un bel po’ di esperienza nel Regno Unito.

Non credo sia necessario elencarti i nostri curricula, dopo ti scriviamo qualcosa in merito.

Per quello che interessa ora, ti basti sapere che tra le Corporation che possono darci referenze si possono elencare Ernst & Young, Deutsche Bank, Serious fraud Office e molti altri.

Il nostro background spazia dagli accordi di riservatezza per alcune multinazionali, alla consulenza antiriciclaggio per grossi studi legali.

Ma soprattutto andiamo forti nel ramo finanziario e abbiamo capito come creare delle società Limited di successo.

Naturalmente non l’abbiamo capito gratis ma a prezzo di tanto tempo investito.

Uno dei ricordi più vividi è di quando dovevamo aprire una delle prime società Limited.

Incontrammo molte difficoltà con il conto corrente, in quanto il cliente italiano si rifiutava di produrre e farci avere alcuni documenti richiesti dalla Banca.

Fu un autentico disastro.

Questo capita perché chiunque voglia seriamente internazionalizzare il business deve entrare nell’ordine di idee che la mentalità italiana non funziona molto bene al di fuori dei confini patrii.

I britannici, ed è bene che tu lo capisca subito, hanno un particolare tipo di mentalità.

Secondo la loro cultura per andare da A a C si deve passare per B.

Molto bene, quindi se anche tu vuoi arrivare al punto C, non può essere fatto senza passare per lo stesso percorso.

Chi cercherà di saltare alcuni punti fondamentali del percorso verrà costretto dal sistema a fare forzatamente questi passaggi.

Nel caso in esame il problema era che il cliente in questione doveva farsi autenticare la carta d’identità da un notaio, ma lui pensò bene di andare al Comune perché (giustamente) l’ufficiale di stato civile del Comune, essendo appunto un pubblico ufficiale, ha il potere di autenticare una carta d’identità.

Peccato che la banca pensasse in modo diverso e lo obbligò ad andare dal notaio perché gli istituti di credito britannici non accettano assolutamente questo tipo di autentiche italiane.

Poco importa che l’ufficiale comunale costa poco o nulla mentre il notaio italiano costa centinaia di Euro.

Queste sono le loro regole e come tali vanno prese.

Nessuna eccezione.

Questo è solo uno dei molteplici esempi che ci hanno fatto capire i possibili errori da NON commettere.

I classici errori che una persona alle prime armi commette e che può avere come prezzo il non vedersi mai aperta né la società né il conto corrente.

Quindi, per farla breve, dopo aver aperto aziende in tutto il mondo, on-shore e off-shore, abbiamo scoperto sia i principali killer di un business di successo, sia i più comuni errori di chi approccia alle società fai da te, sia la strada più veloce ed efficace per risparmiare tempo ma soprattutto denaro.

Sì, perché se perdi tempo, soprattutto dietro qualcuno dei tanti cialtroni che circolano sul web, come imprenditore saprai meglio di noi che quello che perdi in realtà è denaro.

Perchè i Money Lawyers…

Avv. Fabio Santoro

European Lawyer, con oltre 10 anni di esperienza nel settore internazionale e nel contenzioso, è specializzato in commercio internazionale, gestione aziendale, redazione di contratti e negoziazione, diritto commerciale, apertura societaria, contenzioso processuale e conformità AML/CFT. •European Lawyer e consulente internazionale.

Avvocato specializzato in:

commercio internazionale, gestione aziendale, redazione di contratti e negoziazione, consulenza in diritto commerciale, apertura societaria (on-shore e off-shore), contenzioso processuale e conformità AML/CFT.

Già avvocato presso: Serious Fraud Office, Associate Of Foreign Exchange, Ernst&Young, ASSOIMPRESE

Avv. Oreste Maria Petrillo

Con oltre 10 anni di esperienza in business e contenzioso internazionale, è specializzato in Diritto Penale, GDPR, Protezione dei dati, Compliance, Revisioni dei documenti, Redazione di contratti e Negoziazione, Apertura di società nel Regno Unito e conformità AML/CFT.

Oreste è avvocato e consulente internazionale specializzato in:

apertura di società nel Regno Unito, diritto penale societario, GDPR, compliance, revisione documentale, redazione di contratti e negoziazione.

Già avvocato presso Ernst&Young e altre corporation in Italia e nel Regno Unito.

Esperto in transazioni internazionali

CIÒ CHE REALMENTE DEVI SAPERE

Come GUADAGNARE fino al 90% in più con la pianificazione fiscale internazionale e Come ridurre la burocrazia del 90% e oltre?

È Vero La burocrazia in Italia è un cancro che sta mangiando la tua azienda.
Non è possibile dover star più tempo dietro le scartoffie che dietro al tuo business.

Non è possibile non dormire la notte a causa dei troppi impegni burocratici del tuo business.

Non è possibile non avere la mente libera per far crescere e scalare il tuo business a causa di scadenze sempre più pressanti e di persone da assumere solo per le attività burocratiche.

Sai che in Italia servono 155 giorni per pagare le imposte allo Stato?

L’Italia è al 74esimo posto della classifica mondiale per l’indice della libertà economica!!!

L’imprenditore italiano impiega ben 238 ore all’anno per preparare, presentare e pagare le 14 imposte differenti che succhiano ben il 59,1% del reddito! Piazzandosi, così, al 128° posto per la facilità nel pagare le imposte (è addirittura dietro il Vietnam e Namibia! Fonte Doing Business 2020), tempo e soldi che potresti usare al meglio per altre attività.

Converrai con me che tutto questo non ha proprio senso!

C’è un modo per uscire da questa corsa del topo?

Sì, c’è ed è completamente legale.

Ascolta: In Europa vi è, però, una nazione che favorisce l’impresa e che premia e facilita la costruzione di nuove imprese, soprattutto estere.

Ora, per la cronaca, questa nazione è il Regno Unito, con Londra in primis, che, soprattutto con l’avvicinarsi della Brexit, ha necessità di mostrarsi economicamente forte nei confronti degli investitori europei

Infatti, dal sito del Governo Inglese
(fonte: https://www.gov.uk/government/publications/why-overseas-companies-should-set-up-in-the-uk/1962399), si legge:

“Il Regno Unito è il paese scelto dal maggior numero di aziende che desiderano aprire una sede in Europa.”

Funziona così: l’aliquota attuale della Corporation Tax
(fonte: https://www.gov.uk/corporation-tax), l’imposta sulle società, è del 19% attualmente. Si tratta di una delle due aliquote più basse applicate nei paesi G20, le 20 più grandi economie al mondo. E, tieniti forte, questa aliquota è destinata scendere!

Inoltre, come ti dicevamo all’inizio, approfittando di alcune facilitazioni (Patent Box) puoi arrivare a pagare solo il 10% e per alcuni settori lo 0%!

Ma aspetta. Il Regno Unito ha inoltre firmato accordi bilaterali con diversi paesi per evitare la doppia imposizione fiscale. La maggior parte delle imprese con sede nel Regno Unito non paga l’imposta sulle società per i dividendi esteri.

Senti soprattutto questa: sui guadagni personali e societari inferiori alle 85.000 sterline (quasi 100.000 Euro) non si paga la VAT (la nostra IVA). Insomma, se in Italia hai lo Stato socio con te al 50% solo per i guadagni, nel Regno Unito accade l’inverso.
E non è finita qui, si parla già del Singapore Scenario, cioè di tasse sino al 10% (non solo quindi per le società che beneficiano del Patent Box, ma per tutte).

E non è finita qui, si parla già del Singapore Scenario, cioè di tasse sino al 10% (non solo quindi per le società che beneficiano del Patent Box, ma per tutte).

Boris Johnson, ex sindaco di Londra e attuale leader e primo ministro britannico, ha dichiarato ai membri del partito di Darlington che il taglio dell’aliquota dell’imposta sulle società ha sempre aumentato l’ammontare delle entrate raccolte.

L’aliquota dell’imposta sulle società, che le società fiscali pagano sui loro profitti, è stata ridotta dal 28% nel 2010 all’aliquota attuale del 19%. E scenderà nuovamente di qui a breve e proprio grazie alla Brexit che ha tolto ogni limite europeo.

Le entrate sono aumentate e la teoria alla base di ciò è che la riduzione dell’imposta attira le aziende nel Regno Unito e incoraggia le imprese a investire nelle loro attività, il che significa che alla fine viene pagato più denaro al governo.

Proprio per tal motivo, ora che il Regno Unito è finalmente fuori dalla UE può abbassare ancor di più le tasse, e tu puoi approfittarne se fai alla svelta a internazionalizzare.

Purtroppo, però, non è semplice aprire la sede della tua società a Londra.

E qui è dove entriamo in gioco noi.

So che non ne puoi più di dover lottare con i clienti, con i fornitori e anche con lo Stato.

Ecco come possiamo aiutarti.

Poni attenzione amico imprenditore, o aspirante tale.

Siamo Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro, due avvocati internazionalisti (o come ci chiamano Money Lawyers) che lavorano tra l’Italia, Malta, Francia e Regno Unito. Abbiamo messo in video le strategie che i nostri clienti pagano dai 15 ai 50 mila sterline l’anno proprio per te che sei un imprenditore e vuoi guadagnare di più risparmiando sulle tasse e avere la tua vetrina commerciale in una capitale mondiale come Londra, per aumentare i tuoi profitti e la tua autorevolezza.

I nostri “segreti” sono proprio qui tra le tue mani, a un passo da te.

Preparati a capire come aprire la tua società a Londra in meno di 30 minuti.

Ti promettiamo che ne rimarrai piacevolmente stupefatto.

Ma come è nata l’idea della prima piattaforma online della SAPE Cons Ltd che aiuta imprenditori come te a creare la loro prima società Limited?

Limited for Business è il primo gruppo composto da avvocati internazionalisti che lavorano stabilmente nel Regno Unito con società italiane e non (e commercialisti di lingua italiana da decenni a Londra) che ti permette di creare la tua società Limited nel Regno Unito perfettamente funzionante.

Questo messaggio è per te se fai impresa online in Italia e paghi più del 50% di tasse.

Guarda, in Italia siamo pieni di consulenti senza esperienza all’estero e senza pratica in materia di antiriciclaggio internazionale che vogliono consigliarti dove internazionalizzare.

Molti blaterano in materia di off-shore, soluzione consigliata a destra e a manca come se fosse una panacea di tutti i mali, dimenticando che se non fatturi svariate decine di milioni di euro andare off-shore non serve a nulla.

Tra l’altro vivere in un posto così lontano dal tuo stile di vita e abitudini culturali può essere davvero dura rispetto a una capitale europea come Londra.

Ascolta, che tu ci creda o meno, Londra, rispetto a posti esotici vari, è il miglior luogo per avere la tua società e poter contare su una banca londinese ti dà più possibilità di commerciare in ogni parte del mondo.

Money Lawyers come noi, esperti della materia antiriciclaggio e che contano tra i propri clienti sia piccoli imprenditori che multinazionali, di solito sono chiamati per essere i consulenti d’impresa e i direttori della tua società Limited (Ltd). In questo modo tu saresti in una botte di ferro, sicuro e con in tasca una chiave di apertura universale per qualsivoglia problematica.

Oppure possiamo insegnare a te come fare (ecco la rivelazione del nostro video corso).

Noi siamo Money Lawyers quindi possiamo insegnarti come tutelarti in ogni tipo di transazione in tutto il mondo.

Questo per te è fondamentale proprio perché, con la giusta strategia giuridico-fiscale e con i giusti consigli sulle transazioni, faresti crescere inevitabilmente i tuoi fatturati.

Tra poco scoprirai cosa possiamo insegnarti e come velocemente puoi raggiungere quella libertà economica a cui tanto aspiri.

Abbiamo studiato tanto e praticato ancor di più per riuscirci.

Ti possiamo assicurare il successo e il raggiungimento dei tuoi obiettivi in maniera veloce e sicura.

Le informazioni racchiuse nel nostro video corso che a breve ti presenteremo, sono costate tempo e denaro per ricercarle e studiarle.

Hanno un valore altissimo, e per renderle accessibili a tutti sono offerte ad un prezzo bassissimo, sono come gratuite!

Corsi simili in aula valgono decine di migliaia di euro ma, ATTENZIONE l’investimento di tempo e denaro per te per averle è minimo.

  • Sì, sarà facile mettere in pratica i nostri insegnamenti.

  • Sì, aiuterà anche te come ha già aiutato innumerevoli imprenditori prima di te.
  • Sì, conoscerai le finanze internazionali meglio di qualunque altro imprenditore lì fuori.
  • Sì, finalmente potrai dormire senza più gli incubi di come giustificare ai tuoi cari un fallimento inevitabile.
  • Sì, conoscerai le migliori strategie legali e finanziarie che hanno portato al successo i top 1% dell’imprenditoria mondiale e che permettono anche a te di raggiungere tutti i tuoi obiettivi.
  • Sì, il prezzo è vantaggiosissimo dato il valore che aggiungiamo alla tua vita professionale.

Adesso, andiamo al sodo.

Ogni nostro cliente che internazionalizzato con noi, ha poi aumentato i profitti del 50% nel giro di 12 mesi, ed ecco quindi quello che ti presentiamo e cosa ti offriamo:

Internazionalizzazione per Online Business

Il Video Percorso con i Money Lawyers Per Internazionalizzare la Tua Azienda e Pagare MENO TASSE

Acquista Ora il Video Corso Internazionalizzazione per Online Business

o chiama il numero verde gratuito

COME?

Aprendo la Tua Società Limited, nel Regno Unito, in Meno di 24 h e il Conto Corrente Societario, Anche Senza Muoverti Mai da Casa E Senza Dover Pronunciare Una Sola Parola di Inglese!

Calcola Ora il TUO risparmio fiscale con una LTD

Ma prima di rivelarti il prezzo, ecco quanto ci facciamo pagare noi per essere direttori e consulenti (al minimo fatturato):

Guarda qui sotto:

Descrizione servizio UNA TANTUM (£) MENSILE (£)
Costituzione societaria £160,00
Domiciliazione fiscale £240,00 50,00 £
Facilitazione per apertura conto corrente aziendale (Direttore non residente in UK) £1.500.00
Registrazione IVA (VAT) £300.00
Adempimenti IVA (VAT) £20,00
Adempimenti fiscali annuali con Companies House e HMRC £350.00 £50,00
Creazione, tenuta e riconciliazione dei libri contabili, gestione estratti conto bancari, amministrazione fiscale, gestione corrispondenza e creazione risoluzioni (Max 20 fatture annuali) £450.00 £30.00
Dichiarazione annuale per direttore/ socio £50.00
Direttorato societario £1300.00
Importi in GBP escluso VAT (IVA) TOT.* £3.000.00 £1.500.00

Di solito, infatti, vendiamo questo servizio a più di £5.000.00, ma per un breve periodo promozionale creato per espanderci ancor di più in Italia, lo abbiamo venduto alle tariffe qui in alto.

Ti sembrano molti? Ti assicuro che non sono niente rispetto ai vantaggi che questa piccola spesa ti assicurerà.

Quali Sono I Vantaggi Più Importanti Per Il Tuo Business Per Aprire Una Limited Con Noi A Londra Attraverso Il Video Corso più nuovo e completo sulle società Limited?

Vediamoli insieme:

  • Opportunità commerciali e finanziarie uniche!

  • Apertura societaria in meno di 24 ore!

  • Nessun costo notarile! 

  • Capitale sociale minimo richiesto per l’apertura pari a 1 sterlina (ma noi ti eviteremo di pagare anche quella)!

  • Bassissimi costi di gestione! 

  • Vantaggi fiscali enormi (aliquota al 19%. Molto presto scenderà ulteriormente sino al 17% o addirittura al 15%)! 

  • Partita IVA (VAT in UK) non obbligatoria sino a 85 mila sterline di fatturato annuo!

  • Apertura del conto corrente in sterline o addirittura anche in euro o altre valute, a Londra!

  • Sede legale in Regno Unito!

E siccome le notizie belle vengono alla fine, potrai fare tutto questo con la:

Possibilità di usufruire della Consulenza legale di due avvocati internazionalisti per contratti e altri documenti vincolanti per la società.

Acquista Ora il Video Corso Internazionalizzazione per Online Business

o chiama il numero verde gratuito

Ed ecco l’indice delle lezioni del Video Corso:

Internazionalizzazione per Online Business

  • Disclaimer

  • Introduzione (INTERNAZIONALIZZAZIONE PER ONLINE BUSINESS)
  • Perché internazionalizzare (elenco generico dei vantaggi)

  • Mindset per internazionalizzare
  • I criteri dell’internazionalizzazione
  • Il Business online (paure e verità) ed esterovestizione
  • Esterovestizione, diritto e pratica
  • Brexit, problema o opportunità
  • Perché il Regno Unito
  • Patent Box
  • Vari tipi di società
  • Perché una Ltd
  • Business Plan e sito internet
  • Scelta del nome (name checker tool)
  • Incorporazione (video)

  • PSC (Persona con il sostanziale controllo)

  • Certificate of Incorporation, Memorandum of Association e Share Certificate
  • Libro societario e Risoluzioni
  • Sito Companies House (come trovare società)

  • Authentication code (Per fare adempimenti)

  • Confirmation Statement
  • Direttore e direttorato (responsabilità)
  • La sede societaria
  • Il conto corrente
  • Il conto corrente: teoria dell’imbuto e movimentazione
  • Il conto corrente: conto multivaluta
  • Il conto offshore
  • Le banche migliori (no standard charter)
  • Transferwise e conti virtuali
  • Opzioni di gestione (farlo dall’Italia tramite direttore residente oppure tramite trasferimento della residenza)
  • Opzione Italia: Riconoscere i truffatori
  • Opzione Italia: Direttorato e Contratto
  • Opzione Italia: Dividendi
  • La residenza in UK (come si prende e problema AIRE)
  • Sostanza Economica e Diverted Profit Tax
  • Contabilità (rateizzo e interessi HMRC)
  • Le transazioni (Paesi da evitare e blacklist)
  • Partita IVA
  • Partita IVA ed E-Commerce
  • Assumere dipendenti italiani in UK
  • Il Trust
  • Le Holding
  • Trasferirsi negli UK – consigli pratici
  • Consigli finali e conclusioni
Acquista Ora il Video Corso Internazionalizzazione per Online Business

o chiama il numero verde gratuito

Acquista Ora il Video Corso Internazionalizzazione per Online Business

o chiama il numero verde gratuito

E le belle notizie non finiscono qui.

Se investi oggi, ricevi anche i seguenti bonus:

  • L’unico libro sulla tecnica Money Storm per aprire la tua prima Ltd in meno di 24 ore, unici al mondo a garantirtelo (ad eccezione del pacchetto Silver).
  • la versione audio del corso (solo con questa ti ripaghi l’intero corso)

  • i nostri template più importanti (così non resterai da solo nel processo di internazionalizzazione)

  • l’accesso al gruppo privato riservato (ad eccezione del pacchetto Silver)
  • pdf del video corso

“Perfetto Avvocati, ma
sono coperto da garanzia?”

Ovvio!

Sei coperto dalla nostra GARANZIA ETICA:

  • Hai la nostra parola che quello che ti riveleremo ha permesso ad alcuni imprenditori di raggiungere una clientela maggiore e internazionale e pagare meno tasse.

  • Hai la nostra parola che abbiamo confezionato un corso di raro contenuto, facile da studiare e semplice da applicare.

  • Hai la nostra parola che, applicando alla lettera le nostre indicazioni, oggi sarà l’ultima volta che ti chiederai come aumentare il fatturato societario perché come poter risparmiare sulle tasse e trovare più clienti sarà un gioco da ragazzi.

Come vedi la nostra garanzia non è coperta dal classico “soddisfatto o rimborsato”.

I motivi sono semplici. Non abbiamo il controllo su una serie di fattori che non dipendono da noi.

  • Non sappiamo se applicherai alla lettera i nostri consigli.

  • Non sappiamo se davvero internazionalizzerai.

  • Non sappiamo se sei degno di ricevere i nostri consigli a questo prezzo furto. Perché? Vedi, se ci pagano diverse decine di migliaia di euro l’anno un motivo ci sarà. Ti insegniamo come far da te, ma non possiamo regalarti queste informazioni, lo capirai bene da te. Se anche uno solo tra voi volesse fare il furbetto, è bene chiarirlo dall’inizio e scriverlo nero su bianco,le consulenze si pagano, Visto che le informazioni che diamo, altri clienti ce le pagano profumatamente, è come se ti stessimo donando diverse decine di ore di consulenze, all’incirca 20 (le ore del video corso). Moltiplica il tutto per mille sterline l’ora (quanto ci pagano per consulenze singole) e comprenderai bene su che offerta stai per mettere le mani.

E infine, questo protocollo è prezioso al punto tale che non tolleriamo l’idea di vederlo tra le mani sbagliate.

Pensi davvero che siamo degli sprovveduti? In questo corso vi è tutta la nostra esperienza di Money Lawyers in materia e non vogliamo che tutti vi possano mettere le mani sopra. Vogliamo a bordo solo imprenditori disposti a internazionalizzare davvero e se non sei disposto ad acquistarlo senza pretendere i soldi indietro, allora stanne fuori.

Se fai parte degli eterni indecisi che vogliono solo curiosare e vedere che cosa c’è dentro per poi chiederci il rimborso, allora non abbiamo nulla per te.

Dovremmo aggiungere altro?

Forse no. Tuttavia se fai parte dei volenterosi che veramente hanno deciso di dare una svolta alla propria società vogliamo rimuovere il rischio da parte tua e accollarcelo tutto sulle nostre spalle.

Infatti. Nel momento in cui ordini INTERNAZIONALIZZAZIONE PER ONLINE BUSINESS sarai coperto, oltre che dalla nostra GARANZIA DI MONEY LAWYERS – anche da un’altra garanzia:

LA GARANZIA INFINITA

In cosa consiste?

Dall’esatto istante in cui investi in INTERNAZIONALIZZAZIONE PER ONLINE BUSINESS, hai la nostra autorizzazione a farci tutte le domande che desideri all’interno del gruppo segreto di su FaceBook (l’accesso lo riceverai dopo l’acquisto).

Inoltre, con i nostri template davvero non puoi sbagliare, anche se sei un principiante assoluto.

Tuttavia, se qualche passaggio non ti fosse chiaro, potrai tempestarci all’infinito di domande e noi o il nostro staff, ti risponderemo fino a quando non ti sará tutto chiaro!

Sei sufficientemente intelligente per capire che qui abbiamo appena ribaltato i rischi.

Infatti lo abbiamo tolto dalle tue spalle e ce lo siamo caricati sulle nostre.

Infine ti doniamo gli aggiornamenti al corso a vita!

Se qualsiasi argomento dovesse avere qualche aggiornamento, lo pubblicheremo subito.

Cosa potevamo darti di più?

Finalmente è giunto il momento di scoprire come diventare un imprenditore internazionale e dimezzare le tue tasse senza infrangere la legge e in modo tale da dormire sonni tranquilli e avere molti più soldi da utilizzare per te stesso, la tua famiglia e la tua azienda!

E POTRAI FARE TUTTO CON LE TUE MANI SENZA RIVOLGERTI A NESSUNO CHE NON SIA TU

Forse non è per te

IMPORTANTE: Non siamo sicuri faccia per te perché non tutti hanno l’apertura mentale per accedere a determinate conoscenze e non tutti sono disposti a mettersi in gioco per raggiungere grandi risultati, ma sappi che al momento il video corso “Internazionalizzazione per online business” è in offerta e se tu sei come me una persona ambiziosa e adesso vuoi fare la differenza, allora questa è l’offerta più importante che vedrai oggi.

Una curiosità: quanto hai pagato di tasse l’ultimo anno fiscale? E quanto hai pagato l’anno precedente? E sai già quanto pagherai l’anno prossimo? Perché è sempre troppo rispetto a quello che pagherai con una società Limited (Ltd).

Basta pagare montagne di tasse, basta con la paura dei controlli e basta con l’ignoranza imprenditoriale.

Oggi condividiamo con te la nostra unica metodologia che ha rivoluzionato la vita professionale di centinaia di imprenditori.

“Internazionalizzazione per Online Business” è un video corso intensivo, che puoi guardare online quando e come vuoi, composto da 44 moduli che vanno dritti al punto e che ti guidano passo dopo passo nell’ottenere BENEFICI CERTI E DURATURI.

Ogni modulo è composto da uno o più video della durata di circa 20-30 minuti, da un file in Pdf, template, e da una versione audio della lezione che puoi scaricare sul tuo smartphone e sentire quando sei in giro (in palestra, in macchina…).

Importante: puoi accedere a questo corso da qualunque computer, laptop, tablet o smartphone, e funziona su tutti i sistemi operativi.

GUARDARE il corso è facilissimo e l’unica cosa che ti serve è una connessione a Internet.

Quello che succederà una volta preso “Internazionalizzazione per Online Business” avrai accesso immediato al Video Corso e andremo avanti col programma, dal Disclaimer alle Conclusioni, sino a che non avrai internazionalizzato con successo la tua società.

Quello che succederà una volta preso “Internazionalizzazione per Online Business” avrai accesso immediato al Video Corso e andremo avanti col programma, dal Disclaimer alle Conclusioni, sino a che non avrai internazionalizzato con successo la tua società.

Vedi, ci piacciono gli imprenditori intraprendenti, abituati ad agire prontamente, perché, secondo la nostra lunga esperienza, sono proprio quelli che raggiungono il successo.

Presta attenzione: non possiamo tenere aperta questa opportunità per molto tempo perché sarebbe uno spregio a chi ci paga decine di migliaia di sterline l’anno.

E dato che sono già tante le richieste di tuoi colleghi pronti a salire a bordo per sfruttare questa opportunità unica, contattami oggi stesso

Hai conosciuto il valore del nostro prodotto e le nostre promesse. Ascolta un consiglio. Se non agisci ora domani sarà troppo tardi. Il successo non premia i rimandatari e perderai per sempre la grande occasione di cambiare la tua vita professionale in meglio.

Queste notizie funzioneranno anche per te? Non lo saprai mai finché non avrai provato. Fallo subito prima che sia troppo tardi.

Puoi avere il successo o il fallimento. Tu cosa vuoi?

Prenditi il successo che meriti, Inizia ORA, SUBITO!

La cattiva notizia? È che il tempo vola. La buona notizia è che sei proprio tu il pilota.

Il tempo fluisce in modo uguale per tutti gli imprenditori.

E ogni imprenditore galleggia nel tempo in maniera diversa.

Scegli di guidare la tua società più in alto e spingerla più in avanti possibile rispetto alla tua concorrenza.

Prenditi quel vantaggio che meriti, qui:

Acquista Ora il Video Corso Internazionalizzazione per Online Business

o chiama il numero verde gratuito

ASCOLTAMI BENE…

Un ultimo sforzo e potrai decidere in piena autonomia.

Capisci che questo è il momento giusto per agire? Proprio qui e proprio adesso! Adesso hai la chance per muoverti verso una nuova direzione.

Non è sufficiente solo pensarci, invece devi allungare la mano, afferrarla, seguirla fino in fondo, renderla una parte di quello che sei.

Sì, c’è una parte di te che vuole tirarsi indietro… Che vuole apparire conservatrice e seguire le regole della società che ti dicono il modo in cui DOVRESTI agire… Ma c’è anche una PARTE di te che vuole cedere a ciò che vuoi davvero …quello che il tuo corpo prova…quello che vuoi fare DAVVERO…

Riesci ad immaginare come sarebbe fantastico vivere la vita senza il pensiero di non far mai quadrare i conti e il fatturato?

Sei pronto a vivere anche tu questo SOGNO?

Sono sicuro di sì!

Ora, devo chiedertelo davvero: sei il tipo di persona che prende sul serio le opportunità quando le vengono date? Perché come ha detto lo scrittore Paul Arden: “Non cercare la prossima opportunità. Questa che hai nelle tue mani proprio adesso è l’opportunità”.

A questo punto tocca davvero solo a te…

È il momento della scelta, hai due possibilità:

  • La mia lettera non ti ha colpito, reputi che ho sparato una marea di caz..te e non farai nessuna azione per mettere in pratica gli spunti che ti ho dato. Non acquisterai il video corso e continuerai a fare come hai sempre fatto. Bene, hai ugualmente la mia stima e ti auguro il meglio qualunque cosa farai in alternativa, sempre se ce ne siano…
  • Stai morendo dalla voglia di studiare il mio video corso e vuoi subito iniziare a mettere in pratica le strategie per emergere dal disordine del mercato imprenditoriale italiano. Non vedi l’ora di iniziare a lanciare la tua società sul mercato internazionale col video corso “Internazionalizzazione Per Online Business”.

Se ti riconosci nella prima opzione, è stato un piacere chiacchierare con te fino ad ora e possiamo salutarci da amici.

Se, invece, come credo, ti ritrovi nella seconda opzione, e vuoi essere la prossima storia di successo della quale si parla, allora non perdere altro tempo e clicca qui:

Acquista Ora il Video Corso Internazionalizzazione per Online Business

o chiama il numero verde gratuito

Sei pronto per iniziare oggi?

In realtà, so che eri pronto già da tempo per frequentare un video-corso proprio come questo…

Se hai letto fin qui so che sei interessato all’argomento.

Se sei entrato in questo sito e hai letto questa lettera fin qui sei una persona interessata a capire come migliorare come imprenditore.

LA VERITÀ CONTROVERSA

Ascoltami bene, nessun corso ti potrà dare la professionalità che può darti la buona pratica.

Questo perché la teoria è importante, ma se non c’è una applicazione costante e continua nel tempo è davvero difficile diventare bravi.

Devi fare pratica in ogni occasione possibile.

Devi fare pratica ogni volta che ce ne sia la possibilità.

Però la pratica deve seguire la teoria, altrimenti diventi solo un praticone che non riuscirà mai a raggiungere l’apice.

Noi ti daremo entrambe, la teoria e la nostra esperienza pratica riversata nel corso che ti farà guadagnare letteralmente ANNI.

IL PERICOLO MORTALE CHE TI PUÒ LASCIARE NEL FALLIMENTO…

Alcune persone non acquisteranno la prima volta che leggeranno questa lettera di presentazione del corso, non importa cosa gli si possa offrire.

Non so se tu sei tra queste persone.

Altre volte, visto che ti sembra strano comprare subito, decidi di aspettare, ma non lo farai più e ti mangerai le mani per l’irripetibile occasione persa.

Ma chiudi gli occhi per un momento e immaginati tra un anno di rientrare a casa senza lo stress di una lotta sempre a far quadrare i conti.

Puoi immaginare quanto migliore sarà la tua carriera professionale investendo in questo corso.

Oppure puoi immaginarti, un giorno, guardare indietro nel tuo passato e rimpiangere quel giorno che hai detto no invece di sì.

Come ti sentirai, invece, sapendo di aver perso quest’opportunità e pensando agli altri che invece sono stati più intelligenti e l’hanno colta al volo?

Quel giorno è qui proprio ora. Scegli adesso quale e come sarà il tuo futuro.

Oggi puoi fare il primo passo.

Non solo è possibile, ma sarà anche veloce.

LO SO A COSA STAI PENSANDO…

Sento già il tuo cervello “chiacchierare“…

Il problema non è se frequentare o meno un corso come questo.

Questo lo sai già, altrimenti non staresti qui a leggerci.

Il problema è quale corso seguire.

Comunque acquisirai delle conoscenze e competenze, in ogni modo.

Devi solo capire quali competenze ti saranno utili e quali no.

Lo capirai prima o poi.

Può accadere subito o dopo aver pagato le prime tasse.

Augurati di non trovarti nei guai quando non saprai cosa quando i soldi nelle casse sono finiti e sarai lasciato da solo nelle tue scelte.

Improvvisamente capirai che dove sei in quel preciso momento è solo frutto delle scelte fatte fino a quell’istante.

Immaginati, diverse settimane da oggi, a padroneggiare, come nessun altro prima, tutte le strategie che avrai imparato nel nostro video corso…

Quando avrai raggiunto il tuo obiettivo ci ringrazierai per quello che avremo fatto per te.

Pensa invece se dovrai rimproverarti per non averci scelto.

Vedi, questo che ti proponiamo non è un semplice video corso, ma è un percorso, il mezzo più veloce che ti separa dalla libertà economica.

Quindi, se stai ancora regalando il 50%-60% dei tuoi utili al tuo famoso socio occulto, e se stai lottando contro una burocrazia asfissiante e infernale, questo è il tuo momento, non vi saranno altre occasioni.

Concludendo lasciami rispondere alla domanda: “E se ci fosse un modo (LEGALE) per pagare molte meno tasse e non aver a che fare con il 90% della burocrazia italiana?”

“Money Storm” è l’unico metodo legale in Italia per pagare meno del 19% sugli utili prodotti (fino ad arrivare, in alcuni casi, allo 0%) e per avere uno scudo inossidabile a prova di burocrazia.

E tutto questo:

➡️ Senza infrangere la legge.

➡️ Internazionalizzando la propria azienda.

➡️ Anche restando a vivere in Italia (se è ciò che vuoi).

Se sei un imprenditore (digitale o che lavora offline) e vuoi saperne di più, allora, forza, ci vediamo al corso!

Fai l’ultimo sforzo e clicca qui:

PACCHETTO SILVER

€39700
unica soluzione
  • 56 video lezioni
  • Call di 30 min.
    dal valore di 500,00

PACCHETTO GOLD

€69700
unica soluzione
  • 56 video lezioni
  • 2 Call di 30 min.
    dal valore di 1000,00 €
  • Gruppo Facebook riservato
  • Libro in PDF sulla tecnica Money Storm

PACCHETTO DIAMOND

€11,99700
solo tramite candidatura
  • 56 video lezioni
  • Tutoraggio
    (2 call di un’ora del valore di 2.000 euro)
  • Gruppo Facebook riservato
  • Consigli diretti con
    I Money Lawyers
  • Libro in PDF sulla tecnica Money Storm in omaggio
  • DONE FOR YOU
    Apriamo, Gestiamo la TUA Ltd Legalmente e Fiscalmente

Il pagamento avviene sui server sicuri di PayPal e stripe.
Dopo il pagamento sarai reindirizzato a una pagina con le istruzioni di accesso al corso Internazionalizzazione per Online-Business

Puoi pagare anche con bonifico o con carta di credito. Le coordinate le trovi direttamente nel carrello dopo aver cliccato su “Acquista ora”, oppure contattami al numero verde cliccando sul pulsante del telefono in basso e ti invierò le coordinate di pagamento.

Brindiamo al tuo successo.

Osa Qualcosa Di Degno.

Buon corso e buona internazionalizzazione. Con affetto.

Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro, Money Lawyers.

P.S.: Ora tu sai di dover prendere una decisione su cosa ordinare, se acquisti i pacchetti gold e diamond puoi contattare sulla nostra cosulenza “regalata”, altrimenti decidi di fare da te e potrai sempre acquistare la nostra consulenza in futuro.

P.P.S.: La fine del mondo è molto lontana: manda al diavolo l’inferno, crea il tuo paradiso su questa terra. Dio ti ringrazierà.

Ricorda che “Le persone raramente hanno successo, a meno che non si divertano in quello che fanno.” – Dale Carnegie

Fai il lavoro che ti appassiona davvero e che ti farà divertire e stare bene.

Lascia che ti aiuti a incamminarti verso il successo facendo ciò che ami fare.

Capisci ciò che vogliamo trasmetterti?

C’è bisogno di persone che riescano a cambiare il modo di fare imprenditoria in Italia e devo dirti che tu potresti essere tra i primi a farlo. E dovresti ricordare tutto questo non solo adesso, ma anche in futuro quando avrai successo in questo mestiere.

Io mi sforzerò perché questo diventi realtà. Tu “sforzati” di mantenere l’impegno di seguire il nostro corso.

Ricorda, però, che il prezzo potrebbe aumentare in qualsiasi momento per le successive spese che andremo ad affrontare.

Adesso, prima che tu decida, leggi le risposte alle domande che più ti passano adesso per la testa.

F.A.Q.

No, non esclusivamente. A tutti, imprenditori digitali o che lavorano offline e anche chi vuol aprire un altro tipo di società diverso dalle Limited anche fuori il Regno Unito.

Perché se davvero hai intenzione di avere più clienti, dar alla tua società un respiro internazionale, e pagare davvero molte meno tasse e fatturare più utili, allora possiamo aiutarti nel modo più veloce, più economico e meno dispendioso possibile
Perché non troverai nessun altro servizio simile al nostro e da nessun’altra parte. Per te ci sarà il miglior team presente sul mercato e al minor costo possibile.

Perché siamo “Money Lawyers”, abbiamo già aiutato un numero elevato di imprenditori come te a internazionalizzare il proprio business!

Con la nostra consulenza personalizzata saprai come avere la tua prima società Limited (Ltd) in meno di 24 ore e il tuo conto corrente in meno di un mese.

Riuscirai a guadagnare di più in due modi:

  1. Risparmio sulle tasse.
  2. Aumento della clientela internazionale.

A noi non interessa ciò che farai con questi soldi in più: potrai divertirti, spenderli per la famiglia o, semplicemente, metterli in banca.

Non è affar nostro perché quello che ci compete è esclusivamente insegnarti a farlo.

Assolutamente no! Il nostro metodo, unico nel suo genere, ti permette di farlo restando in Italia in perfetta legalità grazie all’aiuto del Direttore. Sarai socio di una società estera.

Vediamolo con un esempio pratico su guadagni di €80.000 in Italia e in Gran Bretagna.

Quindi quanto risparmi e paghi in entrambe le nazioni e quanto riesci a mettere da parte (capitale che poi hai la possibilità di reinvestire nel migliore dei modi, come ad esempio comprare un immobile sul territorio, etc.)?

La prima differenza sostanziale sta nel tempo in cui dovrai pagare le tasse sulla società.

Infatti negli UK per il primo anno vi è una sorta di facilitazione fiscale in quanto, nel momento in cui tu apri la tua società, lo stato ti chiederà il versamento delle tasse soltanto dopo 21 mesi. 

È vero che dopo questo periodo ti chiederà il 19% di tutto quello che hai guadagnato, tuttavia tu intanto hai la possibilità di testare se la tua idea imprenditoriale funziona o meno.

 Vediamo che cosa succede in Italia su un guadagno di circa €80.000. 

Su questa cifra devi pagare generalmente IVA, Ires, Irap (al momento in cui scrivo, 24% lo paghi di Ires, il 22% di IVA il 3,9% lo vai a pagare con l’irap per un 49,9% di totale). 

Quindi su €80.000 se ne vanno €39.920 di tasse, ovverosia praticamente la metà, senza contare gli altri vari contributi di categoria.

Ora andiamo a toccare anche il discorso dell’INPS, oppure gli iscritti presso altre forme pensionistiche obbligatorie. 

I soggetti INPS pagano generalmente il 25,72% mentre i soggetti titolari di altra tutela pensionistica obbligatoria pagano un’aliquota media del 34,23%.

Ti basta o devo continuare?

Vediamo invece un attimo che succede nel Regno Unito sulla stessa cifra di incassi. 

Su €80.000 si paga solo la Corporation tax che adesso è il 19%, quindi su €80.000 la Corporation Tax al 19% incide per €15.200! 

Giusto per capirci.

La bellezza di €24.720 di risparmio tra i due paesi!

E il calcolo di cui sopra non tiene minimamente in conto il discorso INPS.

Altre discussioni al riguardo sono semplicemente superflue.

Capisco la tua preoccupazione. Fortunatamente abbiamo avuto a che fare spesso con situazioni come la tua, quindi abbiamo sviluppato un percorso step by step che rende il processo di espansione territoriale all’estero talmente facile e intuitivo che ti ci vorrà meno di un mese a diventare autonomo nella strategia di internazionalizzazione.

Pensi che può funzionare anche per te come lo ha fatto per gli altri imprenditori nostri clienti soddisfatti?

La Limited, o Ltd, altro non è che una società di capitali e viene spesso accostata alla società a responsabilità limitata italiana (quindi la S.r.l.).

Qual è la fondamentale differenza che passa fra una S.r.l. e una Ltd? Fondamentalmente i soldi.

La registrazione della partita IVA (VAT in inglese) non è obbligatoria per le Ltd fino al raggiungimento di £85.000 di fatturato annuo. Questo vuol dire che se il tuo fatturato, in 12 mesi, non raggiunge quella cifra, tu non sei obbligato a registrarti per avere il numero di riferimento e neanche sei costretto a caricarla sul prezzo che fai al cliente (e neanche dovrai versarla, ovviamente).
Assolutamente no. Nella qualità di azionista (Shareholder, in inglese), in UK (United Kingdom – Regno Unito) non risponderai con il tuo capitale personale circa quelle che sono le vicende societarie (esattamente come in Italia).
Assolutamente sì. Diciamola tutta, il business online è quello che maggiormente, per la sua conformazione e natura, si presta ad una internazionalizzazione per il tramite di una Limited.
Certo, a questo riguardo è bene menzionare che in UK le tasse sul lavoratore dipendente sono circa un terzo di quelle italiane.

Se la loro attività avviene in una fabbrica in Italia non c’è modo per rimandare tutto alla Ltd inglese senza incorrere nella esterovestizione (caso diverso invece è se il lavoro non è legato ad una sede fisica) ed è per questo che Fiat quando ha delocalizzato, ha chiuso la fabbrica in Italia aprendo nei paesi dell’est Europa.

Questa domanda sembra molto strana a tutti quelli che sono imprenditori di lungo corso ma, incredibilmente, ci sono persone che ancora se la pongono.
La risposta è “sugli utili” così come per tutte le società del mondo.
Personalmente non conosco giurisdizioni dove le tasse si pagano al lordo delle spese.
In questo contesto c’è sempre chi scarica più spese e chi ne scarica di meno.
In UK c’è una soglia sotto la quale il dividendo non si paga.
Superata quella soglia il dividendo si paga solo se sei residente in UK.
Se risiedi in Italia quei dividendi vengono tassati secondo il fisco italiano ad una media del 26%.
Ma anche qui c’è il trucco per abbattere a 0 il pagamento delle tasse sui dividendi esteri, però non è questo il luogo per parlarne (dovresti fare una consulenza privata con noi o acquistare uno dei nostri 3 pacchetti).
A questo riguardo è bene ribadire che non esistono risposte universali.

Francamente questa domanda, tra le tante, ci lascia davvero perplessi.

Ti sei mai chiesto che cos’è la brexit?

Niente più che il Regno Unito che ha lasciato l’Unione Europea.
Questo significa che chi risiede in UK e non è un britannico deve trovare eventualmente dei sistemi per poter restare a livello permanente.
Benissimo!
Cosa ha a che fare tutto ciò con la tua Ltd, tuttavia, nessuno te lo dice.
Hai mai sentito parlare della personalità giuridica della società di capitali?
Probabilmente sì.
Una volta che la società è stata incardinata, essa è un’entità a sé stante, è una persona giuridica che non ha nulla a che fare con te e cammina separatamente rispetto a te.
Tu, naturalmente, sei l’azionista o uno degli azionisti, forse anche il direttore, tuttavia non devi mai pensare che la tua persona sia da confondere con la personalità giuridica di una società.
Quindi le società che sono incorporate in UK sono parte del sistema britannico a prescindere e restano come tale soggetti di diritto nel Regno Unito (poco importa chi siano gli azionisti o il direttore).
Questa domanda, a onor del vero, mi viene rivolta spesso da chi non ha neanche la più pallida idea di che cos’è una società.
Tu che sei un imprenditore o aspirante tale dovresti sapere che la società marcia con i propri piedi a prescindere da te.

Alcuni più esuberanti chiedono anche “Io sono italiano e c’è la brexit. Posso essere azionista della società in Inghilterra?”.
A questi rispondo sempre di pensare a Flavio Briatore o personaggi simili. Briatore è cittadino italiano ed ha partecipazioni azionarie, non voglio esagerare, in un centinaio di società sparse per il globo pur senza avere la cittadinanza di tutti e 100 i paesi in questione.
Credo che questo esempio risponda ampiamente alla domanda.

Non so se ci hai fatto caso, ma è da diversi mesi che gli organi di stampa italiani riportano con insistenza che l’Inghilterra è sull’orlo di un baratro economico per via della brexit.

“Dio mio chi se ne va di qua, chi se ne va di là, le aziende scappano, le persone vanno in fallimento, le persone fanno incetta di farmaci perché tra poco comincia l’apocalisse” e via dicendo.

Un esempio di quanto detto sta in un articolo del Sole 24 Ore di qualche tempo fa dove si parlava dell’offerta recente fatta dalla borsa di Hong Kong al London Stock Exchange Group.
Quest’ultima, casomai non lo sapessi, è praticamente una società privata che possiede la borsa di Londra, la seconda borsa più grande del mondo dopo quella di New York (e possiede anche Piazza Affari, per tua informazione).

A fronte di quell’articolo che valutava quell’evento come una conseguenza delle prospettive apocalittiche dell’Inghilterra, avevamo sommessamente rilevato in un post lasciato su Facebook alla pagina SAPE: Limited For Business che quella proposta secondo noi non avrebbe avuto futuro, e così è stato.
Infatti 2 giorni dopo è stata respinta al mittente.
Quando la scadenza del 31/10/2019 è stata ulteriormente posticipata, il Sole 24 Ore ha visto un radicale mutamento sulle considerazioni a proposito della brexit.

Adesso la Brexit è vista come un momento topico con la possibilità che Londra diventi un nuovo paradiso fiscale, sulla scorta di Singapore (The Singapore Scenario).

Praticamente la catastrofe nucleare che doveva arrivare non ci sarà più.
Anzi addirittura adesso la paura è che ad essere intimorita da un punto di vista economico è proprio l’Europa, stando a quanto riportato dal Sole 24 Ore.

Le autorevoli fonti giornalistiche che davano il Regno Unito per spacciato ora si sono ricordate che Londra ha le carte in regola per continuare ad essere la capitale degli scambi finanziari tra gli Stati Uniti e l’Europa anche dopo la brexit.

Ma davvero Londra diventerà un paradiso fiscale?
Come sempre la verità sta nel mezzo.
Per quanto nessuno è in possesso della palla di cristallo possiamo dirti che, anche laddove la Brexit avvenisse, il Regno Unito procederà comunque ad una serie di manovre di salvaguardia.

La ragione per cui molti osservatori vedono questo evento come qualcosa di sbagliato, lo fanno sulla scorta di ragioni psicologiche e sentimentali.
Sulla scorta dell’idea di una bella famiglia europea unita e felice.
In termini imprenditoriali, invece, questo è il momento in cui si deve investire in UK perché vi è un’economia fiorente che procede sempre a ritmi serrati.

Quindi, le possibilità di sviluppo e di business vengono fuori come funghi e la credibilità internazionale è comparabile solo a pochissimi altri paesi nel mondo (nessuna blacklist e flessibilità commerciale enorme).

Da quando c’è stato il referendum sulla brexit ad oggi le incorporazioni sono aumentate di oltre un milione.
Quindi un milione di imprenditori, dopo il referendum del 2016, sono venuti qui ad investire e stanno ancora investendo.

Naturalmente non voglio fare l’oracolo di Delfi ma al 99,99 periodico su 100, ci saranno accordi bilaterali, quindi per una determinata serie di merci vi saranno gli accordi bilaterali stipulati tra Italia e Regno Unito che entreranno automaticamente in azione.
Risposta secca: no, nessun contributo INPS o altro.
In UK la pensione te la paghi privatamente a meno che tu non sia un dipendente dello Stato o di qualche azienda. In questi casi, infatti, così come in Italia, nel tuo contratto è previsto un regime pensionistico.
Quando si tratta di pagamenti (e questo è un consiglio che vale per qualsiasi tipo di società in qualsiasi parte del mondo) dobbiamo fare la differenza tra teoria e pratica.

In teoria nel mondo finanziario e commerciale tutti possono pagare tutti (salvo i paesi sotto embargo o in qualche modo sanzionati).

In pratica però è bene tenere a mente il concetto di spazio economico europeo.

Non credo di doverti spiegare cos’è.

In breve se i tuoi pagamenti sono fatti verso (o ricevuti da) giurisdizioni dello spazio economico europeo transitano molto più celermente.

Al di fuori di questo circuito i tempi si dilatano perché il grado di compliance aumenta, c’è bisogno di fare dei controlli molto più serrati (dipende anche dall’entità del pagamento).

Se ora però ti dicessi che, a livello pratico, tutte le giurisdizioni europee hanno la stessa celerità, sarebbe una bugia.

Anche (e addirittura) all’interno del circuito Sepa i bonifici bancari non hanno la stessa velocità.

I bonifici dall’Inghilterra, per esempio, hanno una velocità superiore ai bonifici che partono da Malta.

Questo perché la credibilità di un paese ha effetto sulle banche e sulle tue transazioni. Se tu sei, ad esempio, un imprenditore che lavora soprattutto nell’online, sai benissimo che il tempo è tutto (soprattutto nella capacità di versare i soldi o di ricevere i soldi in tutto il mondo, specialmente se ti occupi di dropshipping e il tuo carico viene fermato alla dogana).

Questi sono giochi molto delicati e per il tuo business c’è una grandissima differenza se il bonifico arriva 24 ore prima o 24 ore dopo.

Avendo lavorato proprio con le banche, possiamo dirti che alcuni tipi di pagamenti hanno una vera e propria corsia privilegiata rispetto ad altri.

Per esempio, e non voglio sembrare razzista, un pagamento verso un paese dell’est Europa, viene visto con molto più sospetto e rallentato all’ennesima potenza se non addirittura bloccato.

Ricordati inoltre che le banche non hanno bisogno di una ragione valida ma soltanto di una scusa.

Se quindi la banca sospetta che stai facendo un pagamento nei confronti di un determinato soggetto in una giurisdizione che è in odore di sanzioni dì pure addio al tuo pagamento.
Talvolta viene restituito (quando sei più fortunato), a volte viene congelato in attesa di investigazione.

In quest’ultimo caso non rivedrai mai più il tuo gruzzolo.

Questo è un dato di fatto che non ha nulla a che fare con la giustizia, con i tuoi diritti o con l’onestà del tuo business.
Succede e basta.

E chi gestisce un business sa che evitare i guai è sempre la soluzione più vantaggiosa ed efficiente rispetto al cercare di risolverli.

La risposta è sì, anche se pubblicizziamo principalmente l’apertura nel Regno Unito.

La risposta è molto semplice.

Di per sé non c’è niente di sbagliato nell’aprire una società in ciascuno di questi posti.

Naturalmente ciò che è meglio o peggio viene relazionato sulla scorta delle tue esigenze.

Quindi se devi aprire una società tanto per aprirla, allora siamo i primi a dire che un posto vale l’altro.

Anzi a questo fine vai pure dove paghi poco o nulla in modo da non essere soggetti ad alcun’altra spesa.

Se invece il tuo scopo è avere una società che funzioni nella misura in cui permette al tuo particolare business di crescere secondo le tue aspettative allora non tutti i posti sono i migliori, almeno ai fini della tua azienda.

Se il tuo scopo è, per esempio, avere un’attività online, quindi con uno scarso addentellato in uno specifico territorio (in quanto la tua consulenza può essere fatta urbi et orbi) allora Londra rappresenta un ottimo posto per poter procedere.

Come detto, i posti migliori e peggiori si misurano in relazione alle proprie esigenze.

Tuttavia, Londra è il posto dove una persona che ha un business fiorente o con ottime prospettive, è, a nostro giudizio, migliore non soltanto per una ragione fiscale e per questioni di burocrazia e di tasse ma anche e soprattutto per una questione che prescinde dall’economia.

Gli scambi commerciali nazionali e internazionali, caro mio, si basano su una buona dose di credibilità (soprattutto per le start up).

La credibilità che ti può dare una società presente nel Regno Unito, rispetto a una società in Bangladesh o una società nel Borneo (soprattutto quando dovrai approcciare futuri clienti e persuaderli a fidarsi del tuo prodotto e della tua azienda) è infinitamente maggiore.

Il background societario che avrai per il semplice fatto che la tua azienda ha sede a Londra, che è la capitale commerciale d’Europa (su questo non c’è alcun dubbio) è una fonte di credito enorme agli occhi del mercato, è un dato di fatto.

La piazza di Londra è la seconda piazza più grande del mondo dopo New York.

Ogni giorno presso la borsa londinese ci sono scambi per triliardi di sterline.

Mi rendo conto che, per molti, questo non sembra di primo acchito un grande mordente, ma ti assicuro che nel mondo degli affari e del commercio (e soprattutto nel mondo degli scambi bancari) dove la società ha sede, questo è un concetto fondamentale (la banca avrà così pochi sospetti e opererà controlli con tranquillità e scarsa diffidenza).

Non vorrei ripetermi ma se vuoi avere una società tanto per aprirla allora procedi con uno dei reclami che sponsorizzano l’apertura a €100.
Ora sarebbe piuttosto lungo sintetizzare tutte le ragioni, ma ti basti ricordare che una società che non ha un conto corrente o una sede è una società che non può operare a livello pratico

La dichiarazione dei redditi personale che dovrai fare come cittadino allo Stato italiano resta assolutamente immutata.

Per quanto riguarda la tua dichiarazione dei redditi come soggetto societario di diritto inglese dovrà essere fatta solo ed esclusivamente allo stato inglese, in quanto la tua società Limited è dotata di personalità giuridica autonoma quindi le dichiarazione redditi inerenti al business inglese vanno fatte in Inghilterra.

Solo quello che tu percepirai in Italia come dividendo societario va naturalmente dichiarato al fisco italiano come socio di una società estera (IVAFE).

Assolutamente NO.

Questa è una domanda che si rifà molto da vicino a quella precedente.

Ci sono tantissimi metodi per poter portare soldi in Italia e spesso sono quelli usati da persone che vogliono a tutti i costi evitare di pagare le tasse (anche le più piccole).

Naturalmente non ti stiamo assolutamente istigando ad utilizzare o a cercare questi metodi.

Tuttavia, e questo è un dato di fatto, questi metodi esistono e possono essere considerati addirittura leciti (se fatti in un determinato modo o se ti fai guidare dal giusto professionista) e sarebbe stupido e poco professionale da parte nostra se non te lo dicessimo.

Assolutamente NO.

C’è un trattato tra Italia e Regno Unito del 1988-89 entrato in vigore nel 1990 sulla doppia tassazione che provvede proprio ai casi di specie e che vieta la doppia tassazione.

Stai tranquillo.

Sì e No.

Sebbene questo non sia un obbligo legale (in quanto, così come in Italia, la dichiarazione dei redditi potresti anche fartela da solo) in linea pratica faresti solo un gran casino se non sai cosa stai facendo, quindi è sempre più prudente avere un professionista che lavora sul territorio.

Se ti stai chiedendo se ci sono commercialisti italiani che lavorano a Londra, ti diciamo subito che ce ne sono.

Noi, per esempio, lavoriamo con uno di essi che ha uno studio a Londra da trent’anni, quindi non c’è da preoccuparsi.

Potrebbe essere fattibile ma dipende dalle dimensioni del tuo business. Se questo business è di basso livello va bene, ma quanto più in alto vai, meno questa soluzione può funzionare come esclusiva.
Se non lo sai le società dormant, in UK, sono società che, anche se aperte, non commerciano e quindi risultano praticamente ferme in attesa di iniziare a commerciare.
Non credo che questo sia il tipo di soluzione che serve ad un imprenditore che ha voglia di internazionalizzare.
Se ti serve una Ltd che deve restare pietrificata fai pure, ma non credo andrai molto lontano negli affari.

Il metodo più semplice è trasferirsi (prendere armi e bagagli e partire).

Se poi i traslochi non fanno per te esiste anche qualche alternativa, ma che va discussa con un professionista serio che sa quello che fa, come va fatto e come evitare errori.

La giurisprudenza chiarisce che per “esterovestizione di persona giuridica” deve intendersi: «la fittizia localizzazione della residenza fiscale di una società all’estero, in particolare, in un paese con un trattamento fiscale più vantaggioso di quello nazionale allo scopo, ovviamente, di sottrarsi al più gravoso regime nazionale».

Precisa, quindi, che siffatti fenomeni si realizzano «attraverso la costituzione, solo fittizia, di una società all’estero che poi, di fatto, subentra nel business della società residente negli Stati a fiscalità piena».

In questo senso, «risulta esterovestita una società costituita all’estero che presenti uno o più criteri legali di collegamento con l’ordinamento nazionale».

Ma non preoccuparti! Se fai le cose esattamente come ti diciamo noi, la costituzione della società estera sarà tutt’altro che fittizia.

Ma cosa dice la Giurisprudenza Europea e di Cassazione per un socio di una società estera?

Secondo il principio comunitario della libertà di stabilimento l’imprenditore può esercitare la propria attività economica nel paese che più ritiene confacente alle proprie esigenze; egli ha, ovverosia, il diritto, riconosciuto dalla normativa internazionale, di sfruttare tutte le opportunità di mercato che gli si presentano, compresa quella di trarre benefici fiscali da una legislazione che li preveda.

«Si tratta, come accennato, di diritto di rango comunitario, sancito dall’art. 54 del TFUE, secondo il quale le persone giuridiche che operano legalmente in uno Stato membro possono creare e gestire un’attività permanente su base stabile e continuativa, alle medesime condizioni che la legislazione dello Stato membro di stabilimento definisce per i propri cittadini». Ciascun soggetto economico operante nel sistema comunitario ha quindi, il diritto di trarre vantaggi fiscali derivanti dalla propria localizzazione, scegliendo liberamente dove stabilire la propria attività. A tal proposito la stessa Corte afferma che: «il vantaggio fiscale non è indebito sol perché l’imprenditore sfrutta le opportunità offerte dal mercato o da una più conveniente legislazione fiscale (ma anche contributiva, previdenziale), lo è se è ottenuto attraverso situazioni non aderenti alla realtà, di puro artificio». Cass. Pen., 30 ottobre 2015, n. 43809

E tanto è vero ciò, che un socio di una società estera dichiara i suoi dividendi allo Stato Italiano mediante dichiarazione dei redditi!

Cerchiamo di spiegarlo in termini ancor più chiari.

La prima regola di base: l’estero vestizione non è un vero problema, o meglio non lo è se le cose vengono fatte con accuratezza e criterio. Non per vantarci ma veniamo costantemente contattati da persone in cerca di un’analisi della loro struttura societaria. In questi casi la primissima cosa che notiamo che la maggior parte dei business costituiti all’estero sono stati creati senza criterio, senza struttura ed in palese estero vestizione (ovviamente sulla scorta di consigli assurdi, dati da chi capisce poco o nulla di questo settore). Ciò tuttavia non cambia il punto fondamentale, ossia che la paura dell’estero restrizione é fittizia nella misura in cui la società viene creata e portata avanti nel modo giusto.

Per fare questo una delle prima cose da evitare è di fare il direttore della vostra azienda estera dall’Italia. Ciò vuol dire che se risiedete perennemente in Italia, fate tutto dall’Italia, gestite, amministrate e lavorate per la vostra società dall’Italia, mettete la società in una stanzetta delle scope (ufficio virtuale) di un’altra giurisdizione……..SIETE NEI GUAI E NON LO SAPETE!!!

Nella suddetta ipotesi infatti poco importa quanto vi sembrerà bello all’inizio e quali giustificazioni accamperete….. resterete comunque in un palese estero vestizione.

O meglio facciamo sempre una doverosa premessa: l’estero vestizione secondo alcuni non esiste o meglio non è definita come tale dall’ordinamento. L’ordinamento applica il reato di dichiarazione infedele e quindi come tale tutti quelli che hanno dei business almeno fittiziamente strutturati in un’altra giurisdizione ma poi si fanno arrivare e gestiscono tutto dall’Italia, cominciano ad andare in palese violazione della legge italiana nella misura in cui incassano dividendi da quella società per il tramite di un interposto soggetto italiano oppure loro stessi dall’Italia.

La violazione del principio di stabile organizzazione in Italia è piuttosto chiara.

In questi casi poco importa ciò che dite o pensate, ma per l’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza siete evasori fiscali perché state fittiziamente utilizzando una società estera per evadere la aliquota fiscale rispetto al vostro business mentre operate dall’Italia.

Allora torniamo alla domanda principale, ossia “Questo è un vero problema?”

Lo è nella misura in cui non si sa che cosa si sta facendo. Aprire scatole vuote, lo stiamo dicendo da anni, sono ormai passate di moda e non possono essere più utilizzate con la stessa efficacia da ormai venti anni.

Sono più di 15 anni, infatti, che le scatole vuote ormai vengano costantemente individuate e le leggi vengono inasprite per fare in modo che nessuno possa utilizzarle.

Tutto questo si può evitare in modo semplice: strutturarsi nel modo giusto, fare scelte intelligenti, fare anche un investimento, sebbene non fantascientifico, proprio per evitare di incorrere in questa problematica.

Il primo investimento è: mettere le basi per un direttore che diriga la vostra società dal luogo di riferimento, ma che non sia un direttore solo sulla carta, ma effettivo.

Naturalmente tutti voi potrete pensare: “ma il direttore mica deve fare il mio lavoro”.
Ed infatti il compito del direttore, quello che poi è secondo le leggi europee, individuato come colui che svolge “l’effective management” della società, non deve necessariamente fare il vostro lavoro, (il lavoro commerciale per intenderci); il suo è un lavoro più burocratico, amministrativo, legale, contabile e via discorrendo.
Non serve che faccia il lavoro sul campo, quindi se vi occupate di marketing, non è necessario che il direttore sia un esperto di marketing ma è necessario che il direttore sia un soggetto residente nel territorio che abbia quantomeno comunque le capacità e il background per poter operare la corretta gestione del vostro business sia in ambito legale, sia in ambito amministrativo, sia in ambito burocratico.
Non sono le stesse cose, ci vuole un minimo di preparazione in ciascuno di esse perché nelle giurisdizioni estere, quali che siano, la burocrazia è di solito più semplice di quella italiana, ma anche più inflessibile.

Sarebbe a dire che quei pochi passi strategici da porre in essere devono essere portati avanti alla perfezione.

Quindi l’estero vestizione non è un vero problema se avete qualcuno nella giurisdizione di riferimento che opera materialmente l’amministrazione e la gestione della società.
Aprire una scatola vuota, senza un minimo di struttura, un ufficio o una persona preposta a gestire e portare avanti, anche il mero inoltro della posta o lo scambio di comunicazioni è una follia.

Queste cose sembrano e sono di una semplicità e di una banalità enorme, eppure sono le prime ad essere ignorate dal 90% di coloro che aprono un’azienda all’estero, i quali aprono una Ltd (magari a Malta o ad Hong Kong o nel Regno Unito e via discorrendo) dopodiché se ne disinteressano completamente.
Una volta l’anno mandano 200 o 300 sterline a qualche contabile per fare una dichiarazione dei redditi che è quasi sempre a zero e poi si sorprendono se dopo qualche anno vengono beccati dalla Guardia di Finanza mentre si sono fatti arrivare sul conto corrente oltre 500 mila nel corso di questi anni.

Una cosa che si deve sapere è che l’estero vestizione è uno dei reati a più lunga gestazione, se così si può dire.

Nel momento in cui l’Agenzia delle Entrate o la Guardia di Finanza vi becca e sa perfettamente quello che state facendo, il vostro fascicolo non viene immediatamente portato all’attenzione dell’Agenzia delle Entrate. Viene lasciato sul tavolo per qualche anno.

Perché?

Perché le vostre situazioni sono palesi nella maggior parte dei casi. Essendo palesi la Guardia di Finanza o l’Agenzia delle Entrate non ha alcun interesse a farvi il rilievo immediatamente. Meglio lasciare il vostro fascicolo a prendere polvere per qualche anno in modo da farvi l’ispezione a tempo debito, spingendovi ad evadere il più possibile in quel lasso di tempo per poi presentarvi il conto con gli interessi. Dopo qualche anno si sarà accumulata infatti, non soltanto l’entità della vostra evasione ma anche quella degli interessi.

Ciononostante ci sono, ancora oggi, un bel po’ di persone convinte (quasi sempre sulla scorta di consigli mal dati), che nel momento in cui si apre una società all’estero, in un ufficio virtuale, mettendosi come direttori residenti in Italia ed i conti su TransferWise, si può farla sempre franca. Ragazzi vi ripetiamo, l’unica ragione per la quale pensate di averla fatta franca è semplicemente perché non vi hanno beccati (probabilmente perché avete margini veramente molto bassi. Ad ogni modo tenete presente per chi ha margini bassi comunque la problematica non è che sparisce, semplicemente viene accantonata perché l’Agenzia delle Entrate non ha le forze per andare a beccare tutti quanti).

Il direttorato è in realtà il vero asso nella manica e quello che permette agli italiani di poter aprire il conto corrente nel Regno Unito, permette a te di restare in Italia ma vede il tuo uomo sul territorio curare i tuoi interessi (soluzione preferibile ma non l’unica freccia che possiamo mettere al tuo arco per aggirare il problema).

Quindi la società gestita da un direttore residente ti permette di aprire il conto corrente bancario, ti permette di avere delle facilitazioni con le istituzioni locali e ti permette inoltre di parlare più facilmente con le banche, di approcciarti a un commercialista del luogo etc.

Il direttore è il Front Man, la persona che, più di tutti gli altri, rischia a livello finanziario, penale e civile.

Quindi è ora giunto il momento di parlare appunto del direttore della tua Limited e del contratto di direttorato (laddove tu ritenga di voler procedere in questa direzione).

Avere un direttore, come sai, è richiesta inderogabile da parte della legge britannica.
Naturalmente quando si parla del direttore di una Limited dovrai essenzialmente ricollegarlo alla figura di quello che è l’amministratore delegato della Srl, SpA o società di capitali italiane in generale.

Che cosa fa il direttore in una Ltd?
Il ruolo è generalmente speculare a quello di un direttore della S.r.l.
Soltanto che c’è da chiarire un piccolo concetto che deve essere tenuto sempre a mente per chi desidera aprire una Ltd nel Regno Unito e, fondamentalmente, in tutti i paesi anglosassoni, quindi anche Stati Uniti e Australia, ossia che “il direttore di una Limited ha una responsabilità peculiare agli occhi della legge”.

Quindi colui che è il direttore di una Limited non si limita soltanto a essere un gestore della tua società nel Regno Unito e non è soltanto colui che materialmente fa le veci di amministrazione, ma è anche colui che, agli occhi della legge, risponde civilmente e penalmente nel momento in cui la società dovesse finire in qualche guaio.

Detto in poche parole in una Limited l’azionista (shareholder) è colui che possiede le quote di una determinata società, ma non ha nulla a che fare con quella che è la vita societaria se non nella misura in cui possiede delle quote.

Quindi, come azionista di una determinata società, quale che sia la tua percentuale, sarai chiamato dalla legge ad essere semplicemente ed unicamente il beneficiario di quelli che sono i dividendi della società.

Se la società è in attivo e vi sono dividendi da distribuire tra gli shareholder, questi prendono i relativi dividendi.
Se la società è in perdita non prendono niente.

Le faccende burocratiche e amministrative della società non possono essere imputate all’azionista per quanto sia grande le quota azionaria posseduta.

La conseguenza di questo è che, se la società per le scelte dipendenti dal direttore dovesse finire in bancarotta perché non ce la fa più a sostenere la mole di debiti e quant’altro che si è venuto a creare, gli effetti civili e penali di ciò vengono vissuti unicamente dal direttore della Limited.

Da ricordare è che per un direttore bancarottiere vi sono una serie di conseguenze più o meno gravi tra le quali l’impossibilità, secondo la legge inglese, di aprire un’altra forma societaria per un determinato numero di anni.

A questo punto la figura del direttore diventa molto importante perché, per poter internazionalizzare all’estero per il tramite di una nuova società, avrai bisogno di considerare la residenza nel luogo di internazionalizzazione come una priorità.
In te sorgerà spontaneo domandarti se il direttore lo può fare una persona che è residente in Italia e, se sì, che cosa può fare.

Te la faccio breve, Il direttore può essere una persona residente in ogni luogo del mondo, IN TEORIA.

Quindi se vuoi essere azionista e direttore e risiedere in Italia puoi tranquillamente farlo in quanto la legge non impone alcuna restrizione a coloro che vogliono essere direttori di una determinata società pur risiedendo in un paese estero.

Tuttavia, come ti ho detto, questa è la teoria, in quanto essere un direttore non residente in UK non ti servirà assolutamente a niente, perché la tua società (a meno di ricorrere ad alcuni escamotage che conoscono io e altri pochi consulenti internazionalisti) non sarà mai operativa.

Per essere operativa, infatti, la tua società avrà bisogno di conti correnti presso istituti di credito.
E nessuno di questi (fatti salvi gli escamotage di cui parlavo) vorranno aprirti un conto se il direttore della tua Ltd non è residente negli UK.

Quindi scordati il conto corrente.
In oltre 10 anni di esperienza, praticamente mi sono confrontato con quasi tutte le banche che esistono nel Regno Unito e ti dico che nessuna banca ti aprirà il conto corrente se il direttore della giostra non è residente.

Questo sempre in ragione del gioco della responsabilità del direttore su tutta la società.

Potrai anche essere la persona più brava di questo mondo e prospettare un business di miliardi ma la banca continuerà a non aprirti il conto.

Ascolta questa storia sull’importanza di avere un buon direttore.

Il primo ristorante McDonald è stato fondato il 15 maggio 1940 a San Bernardino, California, dai fratelli Dick e Mac McDonald.
Era un ristorante semplice, con ottimi hamburger (non troppo diversi però da quelli che servivano centinaia di altri ristoranti sparsi per l’America).
Quello che avevano di veramente speciale i fratelli McDonald era la creatività.
Infatti, a differenza della concorrenza avevano sviluppato un sistema di catena di montaggio del lavoro che aveva portato ad eliminare le lunghissime code di clienti ed al miglioramento del sistema di vendita.

Nonostante gli incassi del ristorante fossero buoni, non avevano mai portato i due fratelli a credere di poter aprire niente di più che qualche altro piccolo punto vendita in giro per la California.

Erano preoccupati di tanti fattori, alcuni economici, altri amministrativi e altri ancora burocratici.
Se questa storia si fermasse qui tu ora non sapresti che cos’è un Big Mac né ti ricorderesti del pagliaccio Roland McDonald che magari hai mostrato qualche volta a tuo figlio prima che addentasse un Happy Meal.

Fortunatamente la storia continua… perché un bel giorno, quindici anni dopo, e precisamente nel 1955, Roy Kroc si trovò a passare da lì.
E in quel momento tutto cambiò.

Roy, a differenza dei due fratelli McDonald, si rese subito conto della potenzialità del prodotto che aveva tra le mani (e non era il semplice hamburger) e ci credeva così tanto che decise di investirci tempo e soprattutto denaro per convincere i fratelli McDonald ad entrare in affari con lui e rendere il piccolo ristorante McDonald e il suo sistema di montaggio, la catena di fast food più grande d’America.

Come puoi vedere, la sua idea era un tantino più ambiziosa di quella dei due fratelli.

Dopo poco tempo, infatti, i due decisero di cedergli le loro quote e lasciare che la loro creatura proseguisse senza di loro.
Fu l’idea, e la conseguente azione, di trasformare la loro azienda in qualcosa di più grande a far sì che si investissero molti più dollari di quanto si era mai fatto prima, e ciò fu la chiave di volta del successo inter continentale di McDonald.

Per farla breve, a distanza di oltre 60 anni la McDonald ha ristoranti in tutto il mondo e fattura una media di 25 MILIARDI DI DOLLARI all’anno.
Lasciami ripeterlo: 25 MILIARDI DI DOLLARI.
25 M I L I A R D I DI DOLLARI!!!

Perché ti ho raccontato questa storia e che ha a che fare con te e il tuo desiderio di aprire una società all’estero?

Molto semplice: se la McDonald fosse rimasta confinata alla sua piccola dimensione, non sarebbe mai nata una della più grandi realtà imprenditoriali del mondo e della storia.

Invece Roy Kroc era consapevole che il suo prodotto avrebbe conquistato il mercato e quindi ha fatto tutti i passi necessari affinché la McDonald acquisisse lo status di brand internazionale. E così è stato.
I soldi che avrebbe dovuto spendere, la burocrazia con la quale avrebbe dovuto avere a che fare, la complessità amministrativa relativa alla gestione di una molteplicità di ristoranti, erano solo i dettagli di un passo necessario da compiere per rendere la McDonald quella che è adesso.

E, bada bene, questi passi non furono fatti dai fratelli McDonald, ma da un direttore esterno: Roy Kroc.

Fondamentalmente la LTD è l’equivalente della società a responsabilità limitata italiana: una società di capitali che praticamente mette un filtro fra di voi e la figura della società in sé stessa, quindi rende la Ltd l’ente giuridico che risponderà dell’operato di business. Quindi se per caso la società dovesse avere delle passività il vostro patrimonio personale non sarà confuso con il patrimonio aziendale. Questa modalità giuridica è prerogativa delle cosiddette società di capitali e la società di capitali italiana per eccellenza è la srl (in Inghilterra è la Ltd).

La ragione principale per poter utilizzare la LTD al posto di un srl è sicuramente un minor carico fiscale. Quindi la LTD si adopera principalmente per due ragioni: un basso regime fiscale, un’enorme flessibilità e anche una velocità di azione notevolmente più alta rispetto a quella italiana e quindi come tale uno strumento rapido efficace e soprattutto molto economico con il quale voi potete adoperare il vostro business.

Il costo è minimo. 

Innanzitutto bisogna distinguere se lo fate da soli o se vi rivolgete al professionista di turno. Se vi rivolgete al professionista di turno andate nelle fasce di prezzo che mediamente i professionisti caricano per queste attività: ci sono alcuni professionisti che caricano questa semplicissima attività perché l’apertura è di una semplicità enorme con poche centinaia di Euro, altri semplice sparano prezzi blu per un’attività che poi fondamentalmente è molto semplice, ma che comunque bisogna anche saperla fare. 

A questo punto la piccola domanda di servizio è: tu mi consigli di farla da solo o mi consigli di rivolgermi a un professionista?  

La risposta dovrebbe essere “dipende” perché nella realtà il 99% delle volte forse è meglio andare tramite un professionista.

Ciò perché tra i miei clienti vi sono tante persone che hanno iniziato la loro avventura tramite la LTD operando e aprendola da soli e l’hanno aperta nel modo sbagliato e, quindi, ci si è ritrovati a dover intervenire su un un ente societario che se fosse stato assemblato nel modo giusto dal principio avrebbe portato a molti più vantaggi. 

Però fondamentalmente la scelta è vostra, fate come meglio credete, se siete in grado e credete di poterlo fare, fatelo anche da soli, è piuttosto semplice se si sa cosa fare il costo è assolutamente irrisorio, parliamo di 12 sterline, quindi meno di €15, se si sa come fare; se si va tramite il professionista può costare 200-300 500 dipende dal professionista al quale ci si rivolge e poi dipende anche dai vari pacchetti che i professionisti danno. 

Perché i professionisti è raro che offrano la sola apertura societaria, di solito si offre l’apertura, la sede legale, la trasmissione della posta, la contabilità e quindi queste sono tutte cose che ogni professionista valuta e offre nei vari pacchetti e che spetta unicamente a voi valutare come meglio ritenete.

Quindi il costo di apertura è 12 £ se fai da solo; se vai tramite un professionista di solito viene tra le 400 e le 500 sterline.

 Sì in linea in linea teorica, in linea pratica non tutti. 

In linea teorica chiunque viene qui in UK e si muove all’interno del territorio può operare per il tramite di una Ltd. Se invece si vuol restare in Italia bisogna essere sicuri che la propria società risponda a dei determinati criteri che però vanno esaminati analizzati accuratamente nel momento in cui ci si rivolge a un professionista.

Fate attenzione qui arriva la prima differenza sostanziale tra la srl italiana e la LTD o meglio tra la legislazione che fa capo alla srl e la legislazione che fa capo alla Ltd, perché la srl ha tutta una serie di obblighi previdenziali da dover essere corrisposti, alcuni su scala mensili altri trimestrali o annuali eccetera, che portano via spesso migliaia e migliaia di euro, mentre il costo del mantenimento di una LTD all’anno è pari a 13 sterline. 

Il mantenimento in sede della società LTD all’anno costa 13 £ e questo naturalmente non tiene conto degli altri costi quali che possono essere la sede, i professionisti che lavorano per te eccetera. Quindi tutto il personale aggiunto annesso e connesso alla LTD è cosa separata, però la legge prevede che c’è un solo contributo da dare all’anno per il mantenimento della Ltd ed è 13 sterline. Ciò si fa per il tramite del cosiddetto conformations statement che è praticamente una dichiarazione annuale con la quale si comunica alla Companies House, l’equivalente della Camera di Commercio italiana, gli eventuali cambiamenti societari interni degli azionisti, del capitale sociale, etc., quindi tutti questi cambiamenti, tutte queste attività aggiuntive e collaterali, vanno comunicate alla Camera di Commercio inglese, compresa una volta l’anno il modico costo di 13 sterline.

 Per quanto riguarda gli altri oneri INPS, contributi di vario genere, contributi di categoria, contributi di contratti, eccetera eccetera tutti questi sono assenti dalla legislazione britannica: un imprenditore che ha una ltd ha un unico costo annuo ma non ve ne sono altri, a livello burocratico questo è tutto quello cui voi andrete incontro nel momento in cui aprire una LTD.

Quindi non troverete l’Agenzia delle Entrate che viene a bussare ogni mese perché non avete versato i vostri contributi previdenziali. 

Naturalmente se avete dei dipendenti e se siete una società che ha dei dipendenti, i relativi contributi al dipendente sono altre cose, ma i vostri contributi da imprenditore e i contributi di categoria sono a sé e voi non dovrete cacciare €1 per nessuna di queste cose.

Quindi il costo all’anno per il mantenimento di una Ltd è soltanto questo riportato e nulla più.

 Se io apro una LTD all’estero quanto mi costa il commercialista?

Tenendo presente che quando apri una nuova LTD PAGHI LE TASSE DOPO 21 MESI,  teoricamente potreste presentare la vostra dichiarazione da soli, che siate al di sotto di 5 milioni a 6 milioni di sterline. 

Quindi se il vostro business è al di sopra, allora avrete bisogno di un commercialista, di un revisore e di un Auditore eccetera, ma se per caso voi non rientrare in questi utili, l’obbligo del commercialista non c’è. 

Naturalmente nessun imprenditore sano di mente si avventurerebbe mai nel fare una dichiarazione dei redditi da solo senza avere la più pallida idea di che cosa fare e, quindi, in pratica, c’è bisogno del commercialista

Quanto ti costa il commercialista? Beh la risposta non può essere univoca, semplicemente perché il commercialista è una libera professione e ognuno ha il tariffario che ritiene più adeguato e più proporzionato rispetto alle proprie capacità.

Facendo una media di massima degli Studi londinesi parliamo del 3% del fatturato. Quindi se voi guadagnate per ipotesi 100.000 fate conto che uno studio di bravi commercialisti chiede 3.000 3.500 euro più IVA. 

Chi è nostro cliente, invece, ha il commercialista che fa 1.1 – 1.2%. Guadagnate 100.000 e lo pagate 1100, 1200  tutto l’anno. 

Naturalmente il commercialista vi caricherà di più in base al quantitativo delle fatture  e, quindi, qual è la soluzione a questo problema?

A questo problema, che problema poi non è, una soluzione veramente basilare è acquistare un programma, un software di fatturazione che costa pochissimo: uno tra i più famosi è “Xeno”, per esempio. Se avete una minima dimestichezza con il computer prendete il programma xeno che crea fatture a ripetizione in quantità industriale e che costa un £100 l’anno e siete a posto così.

Si trova una sede legale e magari si trova un professionista valido che ci segue.

Se ci si vuole trasferire è bene andare in paese dalla dal regime e dagli usi e costumi molto simile ai nostri per una questione anche di funzionalità del proprio business e di stile di vita (soprattutto se si ha famiglia), perché poi all’atto pratico mettere in pratica un business in un luogo dalle modalità di attivazione affaristica troppo diverse da quelle italiane potrebbe rappresentare un problema di non poco momento per tutti.

Si prende il numero di previdenza fiscale, il National Insurance Number in UK, è lo stesso come il codice fiscale italiano, si apre un conto corrente bancario e ci intesta utenze e fitto.

Quando la società incassa dei soldi, come me li porto in Italia? Poi che cosa succede? Quanto devo pagare di tasse all’erario italiano? Se ho dei dipendenti che cosa succede? 

Beh risposta che cerco di tenere sintetica ma spero che risulti comunque chiara: i dividendi che prendi tramite una LTD vanno dichiarati naturalmente allo Stato italiano. 

Qual è la tassazione sui dividendi? Dipende se si è l’azionista di maggioranza o l’unico azionista. 

Come spesso accade a chi vuole aprire una LTD dall’Italia, la tassazione varia a seconda che l’azionista di riferimento sia una persona fisica o una società, in questo caso una società di capitali.

Le due cose sono molto molto diverse, però prima di arrivarci prima di arrivarci ti dico subito che a questo annoso problema c’è chi può suggerire una delle pratiche più diffuse: quella di aprirsi un conto corrente virtuale con carte prepagate e i dividendi si fanno slittare in quelle carte prepagate e si utilizzano fittiziamente per fare delle spese quali per esempio possono essere spese di rappresentanza, spese di gestione, spese di Management, eccetera eccetera. 

Queste sono spese che non vanno a finire nell’imponibile, non sono intestate all’azionista, sono carte prepagate che la società emette a dei propri agenti sul territorio e spesso e volentieri è un prestanome del socio dell’attività della società Limited, il quale naturalmente non ha nulla a che fare con la società come tale ed è libero di utilizzare quei soldi come meglio gli aggrada.

Ma se guadagnate €1.000.000 e pensate che potete mettere tutti i dividendi su una carta prepagata e proseguire sempre così, attenti: questa è una follia becera che non vi verrà permessa neanche dagli emittenti delle carte, perché gli emittenti delle carte a loro volta rispondono a delle banche, che rispondono a delle autorità antiriciclaggio, eccetera eccetera. 

La pratica corretta da utilizzare, più naturale, è quella di dichiarare il dividendo in quanto azionista persona fisica della società LTD.

In Italia devi pagarci le tasse con una tassa fissa al 26.

Sebbene sia nettamente inferiore rispetto al 60-70% di tasse che si pagano in Italia, diciamo che il 26% per voi è troppo e non volete pagare il 26%. 

Bene, c’è un modo che non prevede quello dell’utilizzo delle carte prepagate o altri trucchetti simili ed è fondamentalmente utilizzato da molti business di successo: si apre una srl italiana la si fa intestare il 100%, o più del 50%, perché la legge parla di maggioranza di partecipazione qualificata, in osservanza delle leggi europee, e si fa arrivare tutti i dividendi l, così e soltanto il 5% del dividendo sarà tassato.  

Poi ci sono altri trucchetti anche un po’ più articolati e che fanno passare i soldi di società in società per pagare sempre meno, per farli passare sempre più per spese continue e ripetute, in modo da ridurre la base imponibile dell’utile veramente all’osso e poi da questo ridottissimo utile lo si fa ripassare sempre tramite questo trucco e si paga praticamente lo 0,2%.

No, non c’è bisogno di venire neanche una volta. Si può fare tutto comodamente dal proprio divano.

Davvero. Solo bisogna organizzarsi nel modo giusto, bisogna trovare la sede, trovare un professionista, trovare chi ci segue nel modo giusto, anche avere un una visione di assieme del proprio business piuttosto strutturata, non ci si può improvvisare, però si può fare tutto senza dover lasciare l’Italia.

Questa è una domanda che sebbene può sembrare legittima, in realtà se ci riflettete un attimo può anche trovare una facile risposta nel business che vuoi conducete tutti i giorni. Che succede se in Italia qualcuno non vi paga? 

Fate una causa che dura anni e anni.

Gli fate le vostre letterine, le messa in mora, gli dite di pagavi con gli interessi se no lo portate in Tribunale, etc… 

Il 99% dei casi la persona se ne frega delle vostre missive e azioni perché sa già che passeranno anni e anni e anni, e quindi in pratica cosa accade? 

Accade che spesso e volentieri si tende ad evitare di mettersi in situazioni nelle quali non si può non essere pagati per una qualsiasi ragione, perché si sa che in quel caso i soldi probabilmente non li si rivedrà mai più. 

In Inghilterra se dovesse succedere una cosa del genere, nel 99,99% dei casi la situazione sarà risolta velocemente in soli 3 – 4 mesi. Ripeto 3-4 mesi, mesi, non anni, perché in questo paese il sistema giuridico è molto più veloce, molto.

Se nel Regno Unito hai un cliente che non ti paga, portarlo in tribunale, soprattutto se parliamo di somme relativamente modeste, tipo 10-20, 30.000 sterline, ottenere un provvedimento che ti garantisca il pagamento è una cosa abbastanza veloce. 

La possibilità di un cliente insolvente è inferiore, enormemente inferiore, perché non vi è l’inefficienza italiana. Verrà perseguito in modo e in tempi rapidissimi e soprattutto con interessi legali di mora che sono mazzate da capogiro. Diciamo che il 95% degli insoluti si risolve in una transazione. 

Le banche inglesi sono note per la loro impeccabile efficienza e credibilità ed è per questo che da tutto il mondo vengono in questo paese a fare business e non vanno altrove, proprio perché negli UK le banche sono le più credibili del mondo, il vero fulcro dell’attività Bancaria Europea e Mondiale.

Quindi è qui che tutte le banche e tutte le società di investimento più grandi al mondo hanno le loro basi mentre, in molte altre giurisdizioni, dove magari in un primo momento (solo in un primissimo momento) la tassazione fiscale può sembrare molto più conveniente (es. Romania, Bulgaria, Albania, che hanno tutte tassazioni più basse del 19% britannico), ma spesso e volentieri i conti correnti non funzionano, le transazioni vengono bloccate, le persone sono poste nell’impossibilità di agire. E così è facile dire addio al business, e tu non vuoi questo, vero? 

Per farla breve tutto quello che si può dedurre in Italia, lo si può dedurre specularmente anche in UK, con le stesse percentuali e, a volte, anche in misura maggiore.

Ora sarebbe impossibile (o, almeno, lunghissima) fare una lista di tutte le spese da decurtare, una lista approfondita e particolareggiata, però devi sapere che specularmente nel 99,99% dei casi ciò che puoi scalare dall’Italia lo puoi scalare anche qui nel Regno Unito.

Ad esempio, sono detraibili tutte le spese per lo svolgimento e formazione della propria attività, se fatte da conto aziendale e, magari, presso un sito inglese (ancora meglio).

Anche i viaggi possono essere staccati come spese societarie, se sono veramente attinenti alla tua ragione sociale. Fatte con conto societario, e facendo attenzione che non investi tutto in viaggi.

E se un professionista italiano ti fa un servizio per il quale ti emette fattura?

Esempio: Il professionista italiano fa fattura a una Ltd, start up sotto le 85 mila sterline, che non ha VAT (partita IVA), il professionista fa la fattura immettendo l’IVA italiana che tu riprenderai quando farai il VAT Return alla fine del periodo di riferimento.
Se la Ltd ha partita IVA (VAT), invece, allora l’IVA/VAT è a 0 perché è un ente con partita IVA.

La VAT la puoi anche richiedere da subito, anche senza superare le 85 mila sterline. Se richiedi adempimenti una tantum non conviene aprirla subito, altrimenti puoi anche pensarci.

È giustissimo che tu lo faccia. Noi lo faremmo prima di una scelta così importante.
Perché è importante questo? Per mantenere il rispetto reciproco in famiglia.
E quando una buona decisione come questo investimento per il futuro economico della tua famiglia viene portata a termine, quel rispetto sarà davvero reciproco, non credi?

Spesso si deve dar conto a qualcuno per concludere una spesa, ma le altre persone non hanno la visione d’insieme che hai tu su un determinato argomento.

Quindi devi prendere l’iniziativa e acquistare, perché la loro percezione di ciò che può essere giusto o sbagliato per le tue finanze non è reale.

Andrai al verde pensando in questo modo!

Costoso in rapporto a cosa? Pagherai una percentuale di ciò che ti facciamo risparmiare!

Non è troppo costoso, dato che è di qualità eccezionale (accompagnandoti mano per mano in tutto l’iter professionale) e ti dà la nostra esperienza decennale.

Quindi, che sia (soggettivamente e non oggettivamente) troppo caro o no non è questo che ci interessa, quanto piuttosto che tu sia soddisfatto anche in futuro per i nostri servizi.
Sarà il tuo miglior investimento degli ultimi anni.

Perciò, sul serio non puoi permetterti di investire poco meno di 3 € al giorno (per un anno il pacchetto base)? Fermati per un momento e rifletti bene su come credere che tu non possa fare un buon investimento ti influenzerà profondamente nel futuro. Vuoi davvero una cosa del genere?

Non è questo il giorno dell’Apocalisse.

Abbiamo sempre tempo a sufficienza, dovremmo solo usarlo in modo giusto. Aspettare non è mai la scelta migliore. Perché come diceva lo scrittore Luc de Clapier: “Non è nato per la gloria chi non conosce il valore del tempo.”

E tu, davvero stai cercando di guadagnare tempo? Quale beneficio potrebbe portarti aspettare?
Sai qual è davvero la notizia?
La cattiva notizia è che il tempo vola.

La buona notizia è che tu sei il pilota. Scegli bene. Scegli di investire subito. Scegli di non sciupare il tempo presente.
Tutto viene per passare, niente viene per restare.

Ti invito a seguire il consiglio di Orazio: Afferra il presente e affidati al domani il meno possibile.

Vedi, non sarai mai più giovane di quanto tu lo sia OGGI, e non importa quanti anni tu possa avere, è una verità oggettiva, quindi hai l’obbligo morale, per te e per chi ti vuol bene, ti iniziare adesso.

Se solo sei un minimo interessato e sai che un giorno acquisterai uno dei nostri servizi ti direi di farlo oggi, perché lo sai meglio di me: più passa il tempo e più si continua a rimandare.

In più una volta raggiunta la quantità di imprenditori che riusciremo a seguire personalmente, toglieremo per almeno 12 mesi la possibilità di accedere ai nostri pacchetti.

Dopo questo periodo raddoppieremo il prezzo dell’offerta (e sarà comunque poco per il valore e l’esperienza racchiusa in questi anni).

Perché continuare a rimandare?

Cogliere con il giusto timing un’opportunità è un’abilità che ti aiuterà per il resto della vita.
Il 90% delle persone aspetta il momento perfetto per decidere, ma il momento perfetto è OGGI (non domani, non tra una settimana e non in futuro).
Inizia oggi!

Perciò, non essere uno snob: aspetto di leggere la tua candidatura oggi stesso!

Ti avverto, ti stai ingannando e lo sai. Voglio liberarti dalla trappola della tua mente con questa notizia bomba.

E se avessi a disposizione una consulenza gratuita col nostro sales manager?

Cosa pensi che avresti deciso per allora?

Prova da te e decidi dati alla mano chiamando il numero verde free 800170016.

Il fatto che tu non abbia sentito parlare di noi, mi dispiace dirtelo, non significa molto. Ti assicuro che molti dei nostri clienti hanno sentito parlare di noi da altri clienti e che, nel nostro settore, abbiamo anche una certa reputazione.

È sempre vero che hai sempre sentito parlare di cose che sono buone?

Quando ero un bambino (n.d. Oreste Petrillo), mia mamma mi mandava spesso a casa di sua madre, mia nonna.

E lei mi raccontava vecchie storie di famiglia. Non ho mai sentito queste storie, tranne che da lei, quindi non so se le inventava lei o se facevano semplicemente parte della tradizione.
Mi raccontava che quando nacque la televisione, a casa sua non vollero acquistarla perché avevano paura della voce che usciva dagli altoparlanti.

Pensavano fosse spiritata!
Capisci come il loro pensiero limitante li abbia bloccati dal beneficiare di una novità così sorprendente?
Ogni nuova idea nasce con un primo passo, e ogni novità deve iniziare dalle origini.

Noi siamo nuovi online (off line siamo decenni che lavoriamo, ed è per questo che ci chiamano i “Money Lawyers”), è vero, ma con tanta voglia di emergere mostrandoti il nostro valore, ed è per questo che dobbiamo impegnarci più degli altri per te.

Non hai ancora sentito parlare del nostro servizio done for you perché è nuovo online, ma in futuro non solo ne sentirai parlare molto e bene, ma tu farai parte dei precursori della nuova classe di imprenditori eccellenti in Italia.

Sì, siamo nati da poco sul web, ma è per questo che ci impegniamo più egli altri per darti il meglio, perché solo così possiamo farci conoscere da tutti gli altri imprenditori.

Non prenderti surrogati di consulenze, prendi chi investe su di te per far progredire la propria azienda.

Beh, gli antichi saggi dicevano che sei hai la fede di un chicco di senape, puoi muovere una montagna. Quindi, ti chiedo, la tua fede è grande almeno quanto un chicco di senape?

Perché davvero basta poco per poterlo fare.

E non si tratta di fede, quanto di provare per credere.

La scelta è: vuoi uno schianto clamoroso o una schiacciante vittoria?

Perché non stai acquistando un bene che non frutta. Stai prendendo un bene che ti porterà frutti: con le conoscenze che userai aumenterai il tuo introito economico in maniera considerevole.

Se acquisti una casa col mutuo è un investimento o è un acquisto?

Pensaci… In una casa ci vivi, non ti crea affatto reddito.

Quando hai comprato casa o la nuova auto, avevi i soldi per comprarla?

Sei andato in banca o da una finanziaria per chiedere un mutuo o un prestito?

Te li sei fatti prestare?

Bene, noi non ti stiamo dicendo di chiedere un mutuo o un prestito che ti ha permesso sì di avere casa o macchina, ma di avere anche un costo fisso. Tutti i giorni devi lavorare per far sì che quello che guadagnerai servirà per ripagarti il debito.

Quello che ti stiamo proponendo, invece, è un qualcosa che nel giro di meno di 10 mesi ti produrrà reddito, ricchezza, e quindi valore per te stesso e per la tua famiglia, ti porterà ciò che desideri a livello economico facendoti rientrare dall’investimento economico già dopo il primo mese e quindi di sorpassare i tuoi problemi di qualsiasi tipo. Adesso, è meglio o peggio rispetto al pensare di non aver soldi? Perché anche per comprare casa non avevi soldi (non parliamo dell’ultimo gingillo alla moda), eppure li hai trovati.

Quindi le opzioni sono 2:

o credi che il nostro servizio non ti salverà dalla bancarotta e non ti farà ottenere il successo che desideri (e non credo sia questo il caso, altrimenti non ci avresti letto fin qui), oppure stai decidendo di non andare avanti e di rimanere nella situazione in cui sei.

Qualsiasi sia la tua scelta, la decisione è comprendere come ti sei organizzato quando volevi acquistare la nuova casa o la nuova macchina perché da questa parte non avrai un debito, ma un investimento che ti porterà ad avere ciò che tu desideri.

Facciamo un ipotesi di investimento con noi di circa 10 mila euro l’anno per avere la Ltd col direttore.

In Italia con un fatturato di 100 mila euro annui nella tua situazione pagheresti (non prendiamo in considerazione le spese, perché voglio tenere il calcolo semplice) 50 mila euro di tasse e INPS.

Con 10k di investimento (anche pagabili a rate mensili), di tasse paghi 19 mila euro invece di 50 mila (o anche 60 mila, in molti casi).

Quindi facendo un rapido calcolo 10k+19k=29k (29 mila euro). 50 mila – 29 mila sono 21 mila.

Già dal primo anno, quindi, hai un guadagno di 21.000 euro senza aver fatto nulla perché alla gestione e alla contabilità ci pensiamo noi.

Il tutto è un guadagno matematico.

Con 10.000 ne guadagni 21.000, un ROI del 201%!

Se ti dicessero che con 10.000 ne guadagneresti 21.000 in modo matematico non accetteresti subito?

Compila la tua candidatura e verifichiamo insieme come applicare questo processo alla tua azienda.

Certamente. Se sarai scelto, dopo aver compilato e inviato la tua candidatura ai nostri servizi ti forniremo i dati per effettuare il bonifico.

Certamente. È proprio una delle offerte per i partecipanti al Training Gratuito Money Storm.

Compila la candidatura e quando sarai ricontattato discuteremo i termini delle rate in base al pacchetto da te scelto.

Certamente. Ti sarà inviata in automatico alla email usata per registrarti, una volta completato l’acquisto.

Puoi o scriverci a [email protected] oppure chiamare il nostro numero verde gratuito 800 170 016

Semplice: la prossima volta lo pagherai il doppio e a numero limitato di imprenditori saliti a bordo chiuderemo le porte per almeno 1 anno.

Quindi quando ti servirà non potrai averci al tuo fianco se non con consulenze da 1.000 euro l’ora.

Bravo, complimenti per la scelta oculata e giusta. Ottimo investimento di tempo e denaro.
Semplice.

Puoi o cliccare in basso per compilare la tua candidatura e inviarla, oppure contattare il nostro numero verde dove verrai accolto da un consulente del nostro Team Telefonico al numero gratuito 800.17.00.16

Okay. Hai affermato una serie di punti. Sì, possiamo essere d’accordo con molti. Ma, come ti abbiamo dimostrato con le nostre risposte, li hai portati a una conclusione irrazionale. I fatti vanno bene, ma la conclusione è molto lontana dal vero e siamo sicuri di averti chiarito tutti i dubbi e aver curato il tuo carattere rimandatario.

Ad Maiora!